ARM HOLDINGS si sta preparando a una spettacolare offerta pubblica iniziale per testare l'interesse del mercato verso una grande azienda tecnologica. Ma la sua valutazione target suggerisce che è rassegnata a non essere la prossima Nvidia.

Secondo il Wall Street Journal, che cita persone che hanno familiarità con la questione, il chipmaker britannico Arm sta cercando di ottenere una valutazione per la sua offerta iniziale di azioni alla borsa Nasdaq compresa tra 50 e 55 miliardi di dollari.

Arm ha rifiutato di commentare quando è stata contattata dalla rivista Barron's.

Il valore target è inferiore ai 64 miliardi di dollari calcolati come valore di Arm dopo la recente vendita di quote da parte dell'attuale proprietario SoftBank (ticker: 9984.Japan). SoftBank spera di vendere circa il 10% di tutte le azioni in circolazione nell'offerta, come riporta il Journal.

Anche così, si tratterebbe della più grande IPO dell'anno e di un importante indicatore dell'interesse degli investitori per la quotazione in borsa di una grande azienda tecnologica in un periodo di alti tassi di interesse. La valutazione suggerisce comunque che Arm è abbastanza ottimista.


Nell'ultimo anno fiscale Arm ha registrato un fatturato di 2,68 miliardi di dollari e un utile netto di 524 milioni di dollari. Ciò suggerisce che ci si aspetta un multiplo prezzo-utile tra 95 e 105 volte.

Si tratta di un valore inferiore al multiplo trailing price-to-earnings di 117 volte a cui viene scambiata Nvidia $NVDA+4.8%. Tuttavia, Arm punta ancora a un premio elevato rispetto ad altri produttori di chip che dipendono fortemente dal mercato fiacco degli smartphone. Qualcomm $QCOM, ad esempio, tratta a un rapporto P/E di 15 volte.

La backwardation non racconta tutta la storia. La tecnologia di Arm alimenta i chip all'interno di quasi tutti gli smartphone e spera che molti dei suoi partner investano nella sua IPO come investitori strategici. Secondo Reuters, Nvidia, Apple $AAPL-0.2% e Alphabet $GOOGL+2.3%, la società madre di Google, sono tra le aziende che hanno firmato per investire. Questo potrebbe far salire la valutazione.

Ma ciò che ha senso come investimento strategico per i clienti di Arm potrebbe non avere senso per i singoli investitori. L'esposizione di Arm agli smartphone e al mercato cinese ha sollevato dubbi tra gli analisti sulla sua traiettoria di crescita.

"I nostri esperti sono scettici sulla sostenibilità a lungo termine della crescita dei ricavi e degli elevati margini di ARM. Prevedono una crescita annuale dei ricavi compresa tra il 5% e il 10% nei prossimi cinque anni, seguita da un picco e da un calo su base annua", ha scritto lunedì Albie Amankona, analista di Third Bridge, in una nota di ricerca.



No comments yet
Timeline Tracker Overview