Instacart starebbe cercando di ottenere una valutazione inferiore ai 10 miliardi di dollari per la sua IPO

Il Wall Street Journal ha riportato domenica che Instacart sta cercando di ottenere una valutazione inferiore ai 10 miliardi di dollari nella sua prossima offerta pubblica iniziale, molto meno dei quasi 40 miliardi di dollari a cui era valutata qualche anno fa.

Secondo il giornale, Instacart sta cercando di ottenere una valutazione compresa tra 8,6 e 9,3 miliardi di dollari e dovrebbe iniziare a offrire le sue azioni agli investitori già lunedì. Il rapporto afferma che il valore target potrebbe ancora cambiare prima del lancio dell'IPO alla fine del mese.

Instacart è stata valutata 39 miliardi di dollari durante il round di raccolta fondi del 2021. Dopo aver abbassato più volte la sua valutazione interna, all'inizio di quest'anno Instacart ha aumentato la sua valutazione del 18%, portandola a circa 12 miliardi di dollari, come ha riportato The Information in agosto.

La società di consegna di generi alimentari con sede a San Francisco dovrebbe essere quotata al Nasdaq con il simbolo CART. Goldman Sachs e JPMorgan Chase agiranno come lead book-running manager.

Il Financial Times, nel frattempo, ha riportato venerdì che l'IPO di Arm Holdings Ltd. ha superato di oltre cinque volte le sottoscrizioni, e alcuni banchieri sarebbero preoccupati di possibili bandiere rosse a causa delle dimensioni della quotazione e del gran numero di banche coinvolte. Il chipmaker di proprietà di SoftBank prevede di quotarsi in borsa questa settimana con un prezzo delle azioni compreso tra 47 e 51 dollari e una valutazione di circa 50 miliardi di dollari. La Reuters ha riferito domenica che Arm punterà a un prezzo pari o superiore all'estremità superiore dell'intervallo.

Le due offerte, attese da tempo, dovrebbero dare una spinta necessaria al mercato delle IPO, che si sta lentamente riscaldando dopo essere stato in forte ribasso dall'anno scorso.

Advanced MedTech di Temasek sceglie l'IPO di Singapore piuttosto che quella statunitense, dicono le fonti

Advanced MedTech Holdings Pte, un'azienda produttrice di dispositivi medici sostenuta dalla società d'investimento statale Temasek Holdings Pte di Singapore, ha deciso di quotarsi a Singapore invece che negli Stati Uniti, secondo quanto riferito da persone che hanno familiarità con la situazione.

L'azienda ha incaricato Goldman Sachs Group Inc, Morgan Stanley e Oversea-Chinese Banking Corp di lavorare alla sua prevista offerta pubblica iniziale, che potrebbe raccogliere circa 200-300 milioni di dollari. Hanno detto che la quotazione nella città-stato potrebbe avvenire già entro la fine dell'anno e che il valore dell'azienda potrebbe aggirarsi intorno a 1 miliardo di dollari.

All'inizio di quest'anno il produttore di dispositivi medici con sede a Singapore stava valutando la possibilità di quotarsi negli Stati Uniti, dopo che la vendita prevista da Temasek era fallita, come ha riferito Bloomberg News a marzo.

Le trattative sono in corso e i dettagli della vendita iniziale delle azioni sono soggetti a cambiamenti, hanno dichiarato le persone che hanno chiesto di non essere nominate perché il processo è privato. I rappresentanti di Advanced MedTech, Goldman Sachs, Morgan Stanley, OCBC e Temasek non hanno voluto commentare.

La quotazione di Advanced MedTech contribuirebbe a rivitalizzare il mercato dormiente delle IPO di Singapore, che sta registrando la peggiore performance almeno dal 2011. Quest'anno sono state effettuate solo tre nuove quotazioni in borsa, per un totale di 18,6 milioni di dollari, secondo i dati raccolti da Bloomberg. Si tratta di un calo rispetto ai 348 milioni di dollari dello stesso periodo dell'anno scorso.

Secondo il suo sito web, Advanced MedTech produce apparecchiature mediche con particolare attenzione ai dispositivi urologici e ai servizi di produzione a contratto. I suoi prodotti sono disponibili per i pazienti in oltre 100 Paesi.

L'azienda ha effettuato investimenti strategici, tra cui l'acquisto di una quota di maggioranza di Shenzhen Wikkon Precision Instruments Co, un produttore cinese di dispositivi urologici e per la terapia a onde d'urto, lo scorso anno per un importo non rivelato. Nel 2021, Advanced MedTech ha guidato un round di finanziamento di Serie A da 3 milioni di dollari per Devicare, una startup con sede a Barcellona che sviluppa trattamenti urologici che combinano terapia nutrizionale e monitoraggio digitale.


No comments yet
Timeline Tracker Overview