Secondo Morgan Stanley, quest'anno il mercato dei semiconduttori è in ripresa.

Si tratta del settore delle memorie, che comprende la DRAM, o memoria dinamica ad accesso casuale - un tipo di memoria a semiconduttore necessaria per l'elaborazione dei dati - e la NAND, un altro tipo di memoria che rimane in funzione senza una fonte di alimentazione.

"Il settore delle memorie sta attraversando un ciclo di ripresa quest'anno e, come tipico di questa prima fase, si tratta di un'espansione multipla e dell'anticipazione di molte cose buone a venire", hanno affermato gli analisti di Morgan Stanley in un rapporto del 7 settembre.

"Sul fronte degli utili, questo è chiaramente evidente nei titoli guidati da AI/[memoria ad alta larghezza di banda], e ora ci aspettiamo che la crescita della NAND guidi la prossima fase di revisioni".

La memoria ad alta larghezza di banda (HBM) è un segmento del settore DRAM ed è un componente chiave necessario per l'esecuzione di processori avanzati che la DRAM convenzionale non può eseguire. Quest'anno gli analisti sono stati ottimisti su questo segmento, poiché il clamore dell'intelligenza artificiale ha fatto luce sui processori avanzati necessari per le applicazioni AI.

"Preferred plays" e "least preferred plays"
Secondo la banca, la valutazione è giustificata dalla crescita e dalla durata degli utili.

Il chipmaker sudcoreano SK Hynix, la statunitense Western Digital Corporation (WDC) e le taiwanesi Winbond e Phison sono i suoi "preferred plays". Secondo la banca, queste aziende stanno beneficiando della ripresa del flusso di cassa della NAND e di una "forte posizione competitiva" nella memoria ad alta larghezza di banda.

Nel frattempo, il potenziale di miglioramento della NAND negli Stati Uniti sembra essere "più positivo" per Western Digital, che non sta scontando una sostanziale ripresa degli utili della NAND, ha affermato Morgan Stanley.

Tuttavia, ha aggiunto che "saremmo prudenti sul potenziale di picco degli utili nei prossimi 2 o 3 anni, poiché i mercati rimangono significativamente sovraccarichi, mentre il ritorno a margini lordi positivi dovrebbe portare a un riavvio della capacità inattiva".

Secondo la banca, SK Hynix e Samsung dovrebbero essere i principali beneficiari della domanda di memorie ad alta larghezza di banda dovuta al trend dell'intelligenza artificiale.

"Dal punto di vista di Hynix, sebbene il titolo sia in rialzo, la visibilità della costruzione di una solida posizione nell'IA ci mantiene [sovrappesati]. La società è il beneficiario più sostanziale dell'impennata della spesa per l'IA attualmente in corso e ha uno dei migliori tassi di crescita idiosincratici tra le nostre coperture tecnologiche asiatiche", hanno scritto gli analisti di Morgan Stanley.

"Per quanto riguarda la HBM, riteniamo che Hynix manterrà la sua posizione di pole position sulla curva del ciclo di crescita dell'IA", hanno aggiunto.

La banca ha dichiarato che i suoi titoli "meno preferiti" sono Micron, Macronix e GigaDevice.

Miglioramento delle condizioni
Morgan Stanley ha dichiarato di essere diventata più ottimista sul settore delle memorie in quanto le condizioni dei prezzi e delle scorte continuano a migliorare.

La banca ha aggiunto che la memoria NAND ha beneficiato dei tagli alle forniture di Samsung, "con casi di aumenti di prezzo a due cifre per le spedizioni di settembre".

"Anche se la forza dei prezzi potrebbe essere temporanea a causa dell'eccesso di scorte sul mercato, la variazione dei prezzi potrebbe portare a un cambiamento nel comportamento dei clienti in termini di scorte quando le condizioni del ciclo si stabilizzeranno".

Anche le scorte di chip DRAM sono "significativamente diminuite" rispetto al terzo trimestre di quest'anno, ha affermato la banca.

"Raccomandiamo di approfittare dei periodi di debolezza del mercato per accumulare e sfruttare il tempo a disposizione per trarne vantaggio", ha aggiunto. Nel complesso, Morgan Stanley prevede che le carenze si accumuleranno nel quarto trimestre e aumenteranno nel 2024, prima di raggiungere il picco nel 2025.

"L'industria continua a produrre ben al di sotto della domanda effettiva e possiamo essere confortati dal fatto che la ripresa dovrebbe durare fino al 2025".


No comments yet
Timeline Tracker Overview