Il proprietario di Zara, Inditex, ha battuto le aspettative mercoledì, aumentando l'utile netto semestrale del 40% anche se la più grande azienda di fast-fashion del mondo ha rallentato il ritmo degli aumenti di prezzo.

Quest'anno Inditex ha aumentato il suo vantaggio sulla rivale svedese H&M grazie a una consegna più rapida della moda da parte di fornitori vicini a prezzi che le consentono di far fronte alle pressioni inflazionistiche.

La società ha registrato un utile netto di 2,5 miliardi di euro (2,7 miliardi di dollari) per i sei mesi fino al 31 luglio, battendo le stime del mercato di 2,38 miliardi di euro, secondo i dati LSEG.

Tuttavia, le sue azioni sono scese dell'1,5% nelle prime contrattazioni a Madrid, poiché gli investitori hanno registrato profitti dopo un aumento del 58% nell'ultimo anno.

"Visti i recenti risultati, molti investitori si chiedono quanto a lungo possa continuare questa forza", ha dichiarato William Woods, analista di Bernstein.



La maggior parte degli analisti si aspetta che la solida posizione finanziaria di Inditex le consenta di mantenere i prezzi costanti o addirittura di abbassarli di fronte all'indebolimento della domanda e alla riduzione dell'inflazione.

Il marchio di punta della catena di negozi Zara sta pianificando un'ulteriore espansione dei negozi negli Stati Uniti, un mercato che due anni fa è diventato il più grande di Inditex dopo la Spagna.

Le vendite di Inditex sono aumentate del 13,5% a 16,9 miliardi di euro e il margine lordo ha raggiunto il 58,2%.

Il gruppo, che possiede anche Bershka, Pull & Bear e altri marchi, ha dichiarato che le vendite a valuta costante nel periodo dal 1° agosto all'11 settembre sono state superiori del 14% rispetto a un anno fa, dimostrando che lo slancio delle vendite estive sta continuando con l'arrivo delle collezioni autunnali.

"Mi aspetto che la crescita dei prezzi si moderi nel corso del prossimo anno", ha dichiarato Richard Chamberlain, analista di RBC, aggiungendo che i risultati hanno superato le sue aspettative.

Con un'ampia percentuale di costi in euro, Inditex ha dichiarato di aspettarsi che le valute abbiano un impatto sulle vendite del -3,5% quest'anno, peggio del -2,5% previsto in precedenza.

Opportunità di crescita
L'azienda ha mantenuto invariate le sue prospettive, affermando di "continuare a vedere forti opportunità di crescita", dato che attualmente detiene una bassa quota di mercato nei 213 Paesi in cui è presente.

Inditex è stato uno dei primi rivenditori di moda ad aumentare i prezzi all'inizio dello scorso anno in risposta al forte aumento dell'inflazione. La sua strategia di prezzi più alti e più diversificati al di fuori del suo mercato nazionale, la Spagna, l'ha aiutata a raggiungere margini record.

Gli analisti di Bank of America e Royal Bank of Canada scommettono che Inditex sia meglio posizionata dei suoi colleghi per competere offrendo prezzi stabili e persino tagliandoli l'anno prossimo per continuare la sua crescita globale con l'attenuarsi dell'inflazione.

A livello globale, Inditex ha ridotto il numero di negozi da 5.801 a 5.745 nel secondo trimestre, dimostrando come il retailer riesca ad aumentare le vendite pur riducendo gli spazi.

Zara ha cercato di attirare acquirenti più ambiziosi associando il suo marchio al lusso piuttosto che al fast fashion. La scorsa settimana ha lanciato una collezione con il famoso fotografo di moda Steven Meisel e nella campagna sono apparse top model come Linda Evangelista.

Da luglio, Inditex ha reintrodotto i dispositivi antifurto nei suoi negozi e ha sostituito le etichette con chip cuciti nei capi di abbigliamento delle sue collezioni autunnali e invernali, ha dichiarato l'azienda a Reuters.

Il passaggio a un sistema con allarmi morbidi mira a ridurre i tempi di liquidazione fino al 50%, anche se finora solo un piccolo numero di articoli ne è dotato.


No comments yet
Timeline Tracker Overview