I titoli a dividendo sono uno strumento polivalente dei mercati. Offrono agli investitori una doppia via per ottenere rendimenti redditizi, compresa una certa difesa contro le difficili condizioni di mercato e una fonte stabile di reddito passivo. Si tratta di una combinazione interessante.

I migliori titoli a dividendo offrono un reddito superiore all'inflazione, basato esclusivamente sui dividendi e supportato da una storia a lungo termine di pagamenti affidabili. Per gli investitori si tratta di una situazione vantaggiosa per tutti: quando le azioni salgono si guadagna, ma quando scendono si può ancora guadagnare.

Gli analisti di Wall Street non esitano a raccomandare società con elevati rendimenti da dividendi e tra le loro recenti scelte ne abbiamo trovate due con rendimenti da dividendi pari al 10%. Si tratta già di un rendimento solido, ma questi titoli hanno anche un rating "Strong Buy" (acquisto forte) da parte degli analisti, per cui cerchiamo di approfondire i dati e scoprire cosa li rende così interessanti da aggiungere a un portafoglio.

Sunoco LP $SUN-3.1%

Il primo è Sunoco, uno dei grandi marchi americani. L'azienda ha una lunga storia nel settore energetico, soprattutto come produttore e fornitore di carburanti. La linea di prodotti Sunoco comprende varie formulazioni di benzina, gasolio e carburante per aerei, offerti sia in versione di marca che non. La società gestisce una rete di distribuzione composta da stazioni di servizio, minimarket, rivenditori indipendenti e distributori commerciali con oltre 10.000 sedi in 40 Stati.

Le vendite di carburante al dettaglio di Sunoco sono integrate nelle stazioni di servizio e nei minimarket con i consueti prodotti "a valore aggiunto", tra cui snack e bevande, e la società fornisce anche strutture di erogazione per i clienti delle stazioni di servizio e delle flotte.

Sunoco sta contribuendo in modo significativo all'espansione dell'economia "verde" e sta sviluppando soluzioni per il recupero dei carburanti misti, ossia benzina, diesel e carburanti per l'aviazione che si sono mescolati e sono diventati inutilizzabili nelle condutture di trasporto. L'azienda raccoglie e trasforma questi carburanti misti in prodotti utilizzabili, riducendo sia gli sprechi di carburante che i danni da inquinamento.

Alla luce di tutto ciò, l'ultimo aggiornamento trimestrale di Sunoco è stato piuttosto contrastante. La società ha riportato un utile di 5,75 miliardi di dollari per il secondo trimestre dell'anno fiscale 23, in calo del 26% rispetto all'anno precedente, anche se tale importo ha superato le aspettative di 28 milioni di dollari. Il risultato finale, pur essendo redditizio, non è stato altrettanto ottimistico: l'utile per azione di 78 centesimi è stato inferiore di 47 centesimi rispetto alle previsioni.

Per gli investitori in dividendi, il parametro chiave è il flusso di cassa distribuibile, che è stato di 175 milioni di dollari per il secondo trimestre, a fronte dei 159 milioni di dollari del secondo trimestre dell'anno precedente. Ciò ha supportato la dichiarazione di un dividendo per il secondo trimestre di 84,2 centesimi per azione comune, pari a 3,36 dollari annualizzati. Al tasso annualizzato e all'attuale valutazione del titolo, il dividendo rappresenta un rendimento del 7,1%, più del doppio del dividendo medio delle società dello S&P 500 e quasi il doppio dell'inflazione annualizzata del 3,7% registrata ad agosto.

Secondo Justin Jenkins, analista a cinque stelle di Raymond James, Sunoco si distingue per la sua capacità di rimanere redditizia e di generare liquidità, qualità che sosterranno un rendimento da dividendo sempre elevato. Scrive a proposito della società: "Data la forte esecuzione, la fiducia nel continuo miglioramento della redditività e il potenziale di crescita attraverso l'ottimizzazione del business a medio termine e le opportunità di M&A, rimaniamo costruttivi su Sunoco. Questi sforzi, uniti alla disciplina in materia di capitale/costi, ci hanno permesso di generare un significativo flusso di cassa libero, che ha fornito al bilancio una solida flessibilità che sarà utilizzata per far crescere ulteriormente l'attività (sia organica che inorganica)". Sebbene l'ambiente macroeconomico continui a "tirare le cuoia", vediamo un andamento dei volumi da stabile a positivo nel 2023, sostenuto da un aumento dei margini di carburante. A ciò si aggiunge una buona lista di acquisizioni interessanti e progetti organici che creano valore a lungo termine, con ulteriori M&A che probabilmente contribuiranno alla crescita".

Jenkins valuta inoltre il titolo SUN come Outperform (Buy) con un prezzo obiettivo di 53 dollari, suggerendo un margine di rialzo del 12% nei prossimi 12 mesi.

Cinque recenti valutazioni degli analisti per SUN includono 4 giudizi "Buy" (acquistare) contro 1 "Hold" (mantenere), il che implica un giudizio di consenso di Strong Buy (acquistare). Sulla base di un prezzo obiettivo medio di 51 dollari, il titolo ha un potenziale di rialzo a un anno del 7,5%; aggiungendo il dividendo, il potenziale di rendimento totale si avvicina al 15%.

SUN

Sunoco LP

SUN
$55.11 -$1.76 -3.09%

Ares Capital Corporation $ARCC-0.5%

Il prossimo titolo della nostra lista è Ares Capital Corporation, una BDC o società di sviluppo aziendale. Queste società sono prestatori speciali che forniscono credito e servizi finanziari alle piccole imprese che non sono necessariamente qualificate per i servizi delle banche commerciali tradizionali. La combinazione di finanziamento azionario, servizi di prestito e fornitura di strumenti finanziari di ARCC è essenziale per la sua clientela e colma una lacuna importante nell'ambiente delle piccole imprese statunitensi.

Da quando è stata quotata in borsa nel 2004, l'ARCC ha investito più di 21 miliardi di dollari in 475 aziende, con un rendimento del 12% per gli azionisti. La società vanta una capitalizzazione di mercato superiore a 10,7 miliardi di dollari, che la rende la più grande BDC quotata in borsa nei mercati statunitensi. Il portafoglio alla base di questa performance è diversificato ed equilibrato, con un sano mix di attività. Il 22% del totale è costituito da software e servizi, l'11,3% da servizi sanitari e l'8,7% da servizi commerciali e professionali. Altri settori rappresentati in portafoglio sono l'energia, le assicurazioni e i beni di consumo durevoli. Meno del 42% del portafoglio è costituito da prestiti senior garantiti di primo grado e un altro 18,1% da prestiti senior garantiti di secondo grado.

Per gli investitori, i risultati sono i più importanti. Ares ha registrato un reddito totale da investimenti di 634 milioni di dollari per il secondo trimestre del 23, rispetto ai 479 milioni di dollari del secondo trimestre del 22, con un aumento del 32% rispetto all'anno precedente e un aumento di 11 milioni di dollari rispetto alle previsioni. A fine anno, Ares ha registrato un utile di 58 centesimi per azione, un centesimo in più rispetto alle stime e ben al di sopra dei 46 centesimi per azione registrati nel secondo trimestre del 2012. La società vantava liquidità e beni liquidi per 411 milioni di dollari al 30 giugno, con un miglioramento del 35% rispetto alla fine del 2022.

Le operazioni redditizie e le solide riserve di liquidità sostengono il dividendo del terzo trimestre della società, dichiarato il 25 luglio e pagato il 29 settembre. Il dividendo di 48 centesimi per azione comune ammonta a 1,92 dollari annualizzati e rende il 10%. La storia dei dividendi della società risale al 2004, quando i pagamenti trimestrali regolari si alternavano a quelli straordinari variabili.

Ryan Lynch, analista di KBW, sottolinea la storia di Ares nel generare rendimenti e nel sopravvivere agli alti e bassi dei cicli del credito. Afferma che "ARCC ha un ottimo track record in termini di sottoscrizione e qualità del credito, ha realizzato alcuni dei migliori rendimenti economici del settore e dispone di una piattaforma creditizia di prim'ordine. ARCC ha una delle storie più lunghe e ha attraversato diversi cicli di credito con ottimi risultati. La piattaforma dominante di ARCC e gli ampi rapporti con gli sponsor di lunga data le consentiranno di continuare a conquistare una quota significativa del crescente mercato del credito diretto. ARCC dispone di una struttura di impegni migliore della categoria, a basso costo, diversificata, a lungo termine e flessibile, con molteplici rating investment grade che hanno finanziato e continueranno a finanziare la crescita del suo portafoglio".

ARCC
$20.76 -$0.11 -0.53%



No comments yet
Timeline Tracker Overview