Amazon.com $AMZN-0.3% ha utilizzato un algoritmo con il nome in codice di "Project Nessie" per verificare quanto potesse aumentare i prezzi in modo che i concorrenti seguissero il suo esempio, secondo quanto riportato in alcune parti redatte della denuncia della Federal Trade Commission contro l'azienda.

Secondo persone che hanno familiarità con le accuse contenute nella denuncia, l'algoritmo ha aiutato Amazon ad aumentare i profitti sugli articoli di tutte le categorie di shopping e, data la forza dell'azienda nell'e-commerce, ha portato i concorrenti ad aumentare i prezzi e a far pagare di più i clienti. Nei casi in cui i concorrenti non aumentavano i prezzi al livello di Amazon, l'algoritmo - che non viene più utilizzato - riportava automaticamente l'articolo al suo prezzo normale.

L'azienda ha utilizzato Nessie anche per quella che i dipendenti consideravano una spirale promozionale, in cui Amazon si abbinava al prezzo scontato di un concorrente, come Target.com, e altri concorrenti seguivano il suo esempio abbassando i prezzi. Quando Target terminava la sua vendita, Amazon e gli altri concorrenti rimanevano bloccati al prezzo basso perché continuavano ad allinearsi l'uno all'altro, secondo gli ex dipendenti che lavoravano all'algoritmo e al team di determinazione dei prezzi.

L'algoritmo ha aiutato Amazon a recuperare denaro e ad aumentare i margini. L'azione legale della FTC fornisce una stima redazionale dell'importo che la pratica avrebbe "estratto dalle famiglie americane" e afferma che ha aiutato l'azienda a generare un importo redazionale di "profitti eccessivi". Secondo una persona che ha familiarità con la questione, Amazon ha generato più di 1 miliardo di dollari di entrate grazie all'uso dell'algoritmo.

"Le accuse della FTC travisano grossolanamente lo strumento", ha dichiarato un portavoce di Amazon. Il Progetto Nessie era un progetto con un obiettivo semplice: cercare di evitare che i nostri confronti di prezzo portassero a risultati insoliti in cui i prezzi diventavano così bassi da essere insostenibili". Il progetto ha funzionato per alcuni anni su un sottoinsieme di prodotti, ma non ha funzionato come previsto, quindi lo abbiamo cancellato qualche anno fa".



Il progetto Nessie è uno dei casi in cui la denuncia della FTC sostiene che la posizione di monopolio di Amazon ha avuto un ampio impatto sull'aumento dei prezzi al consumo al dettaglio.

La FTC ha rifiutato di commentare i materiali redatti nella denuncia, ma il suo portavoce Douglas Farrar ha dichiarato: "Esortiamo ancora una volta Amazon a rimuovere prontamente le riduzioni e a consentire al pubblico americano di vedere la piena portata di quelle che riteniamo essere le sue pratiche monopolistiche illegali".

David Zapolsky, l'avvocato principale di Amazon, ha affermato in una dichiarazione della scorsa settimana che la FTC ha frainteso il funzionamento dei prezzi e della concorrenza su Internet.

"Se questa causa avesse successo, il risultato sarebbe anticoncorrenziale e contrario ai consumatori, perché dovremmo smettere di fare molte delle cose che facciamo per offrire ed enfatizzare i prezzi bassi, il che sarebbe in diretto conflitto con gli obiettivi delle leggi antitrust", ha detto Zapolsky.

L'argomentazione principale della FTC è che il potere di Amazon sui venditori terzi sul suo sito web porta a prezzi più alti per i consumatori, anche per quelli che acquistano prodotti dalla concorrenza.

In sostanza, i venditori ritengono di non avere altra scelta se non quella di utilizzare Amazon per la sua portata, la sua base di consumatori e le sue capacità logistiche, ma l'azienda vieta loro di offrire i propri prodotti a un prezzo inferiore su venditori diversi da Amazon, dove si svolge quasi il 40% di tutto il commercio elettronico statunitense, sostiene la FTC. Se offrono prezzi più bassi altrove, la FTC sostiene che Amazon li "punisce" declassando le loro offerte in modo che i clienti non le vedano.

La FTC sostiene che, poiché il costo per vendita di Amazon è più alto di quello di altre piattaforme a causa delle sue tasse, questo crea un costo dei prodotti più alto in tutto il settore della vendita al dettaglio, perché i venditori devono usare il prezzo di Amazon come base.

Le commissioni e i prelievi per i venditori di Amazon sono saliti alle stelle negli ultimi anni e l'azienda raccoglie oggi quasi la metà dell'importo per ogni vendita effettuata da terzi sulla piattaforma.

La quota di Amazon sulle vendite di terzi crescerà dal 19% al 45% tra il 2014 e il 2023, secondo un nuovo rapporto dell'Institute for Local Self-Reliance, un gruppo di ricerca e difesa. Il rapporto include le tariffe di Amazon associate alla vendita sulla piattaforma, alla pubblicità su di essa e all'evasione degli ordini. Oltre il 60% delle vendite al dettaglio di Amazon proviene da venditori terzi.

La FTC sostiene che i venditori si sentono obbligati a utilizzare il programma logistico di Amazon per qualificarsi per l'inclusione nel programma Amazon Prime e ad acquistare pubblicità su Amazon.com per assicurarsi di raggiungere un numero enorme di clienti.

In un comunicato, Amazon ha dichiarato di essere un partner fidato per milioni di venditori perché fornisce "l'insieme di servizi più efficaci per creare aziende fiorenti e di successo" e ha investito miliardi di dollari per aiutare i venditori. Ha inoltre dichiarato di offrire ai suoi venditori la possibilità di scegliere e di avere successo anche senza utilizzare i servizi pubblicitari o logistici dell'azienda.

AMZN

Amazon

AMZN
$182.55 -$0.58 -0.32%

No comments yet
Timeline Tracker Overview