Citigroup e altri 2 titoli value che possono ancora essere acquistati a prezzi stracciati, al di sotto del loro valore…

Ultimamente ho visto su internet soprattutto articoli e relazioni su vari titoli growth. Non sorprende che siano stati soprattutto i titoli growth a soffrire di più. E i titoli value, come stanno andando? Questi titoli hanno generalmente un rapporto PE molto più basso rispetto ai titoli growth sopra citati e possono quindi apparire "più economici". Diamo un'occhiata più da vicino a 3 titoli che possono soddisfare questa ipotesi.

Citigroup è stato il titolo più seguito dopo l'acquisto da parte di Warren Buffett.

1. Citigroup $C+1.6%

Molti dei titoli value riportati di seguito sono a piccola capitalizzazione o a microcapitale. Nel caso di Citigroup, tuttavia, si tratta di un titolo bancario con una grande capitalizzazione di mercato. Non si può dire che sia "sottotraccia".

Pertanto, si può ipotizzare che il mercato stia valutando correttamente questa banca con uno sconto superiore al 40% rispetto al valore contabile. Dopotutto, come ha recentemente sostenuto un commentatore di Seeking Alpha, Citi è alle prese con ingenti perdite sui prestiti, un'elevata esposizione alla Russia e potrebbe andare peggio in caso di recessione.

Il titolo Citigroup è crollato del 34% nell'ultimo anno, fonte.

D'altra parte, il recente acquisto di Citigroup per 3 miliardi di dollari da parte della Berkshire Hathaway di Warren Buffett può confutare l'affermazione ribassista secondo cui si tratta di una "trappola del valore" di bassa qualità. Anche se non dovreste comprarla solo perché "Warren la sta comprando", solo perché l'ha proposta vale la pena di guardarla da vicino.

Oltre a Buffett, ho effettuato un piccolo acquisto di questo titolo, con Bulios e la sua consulenza di mercato che mi hanno dato l'impulso iniziale. A più di un mese dall'acquisto, sono ancora in rialzo del 3,8%. Vedrò come si evolverà la situazione in futuro.

2. Sviluppo delle risorse del Centenario $CDEV-7.4%

Centennial Resource Development ha registrato un'incredibile ripresa negli ultimi due anni grazie all'aumento dei prezzi dell'energia. In questo periodo è cresciuta di quasi 7 volte. Di recente, tuttavia, il titolo ha subito un calo.

Ciò è dovuto principalmente alle reazioni contrastanti alla fusione di questa società indipendente di petrolio e gas con la società privata Colgate Energy Partners. Si teme che l'accordo sia più vantaggioso per i proprietari di Colgate che per i singoli azionisti di Centennial. Tuttavia, come hanno sottolineato gli analisti di Truist, che si occupano della vendita, la transazione presenta molti aspetti positivi.

Nell'ultimo anno, le azioni Centennial Resource Development sono aumentate del 40%, fonte.

Tra questi vi è la riduzione della leva finanziaria dell'azienda, che le consentirà di aumentare il ritorno di capitale (dividendi, riacquisti) agli azionisti. Questo e il fatto che l'azienda sia scambiata a un rapporto prezzo/valore contabile di 0,73 possono renderla un titolo di valore da prendere in considerazione. Inoltre, Centennial è scambiata con un multiplo di guadagno basso (4,3). Se l'accordo con Colgate dovesse andare in porto, il titolo potrebbe salire alle stelle.

3. Acciaio olimpico $ZEUS+5.1%

Un titolo siderurgico a piccola capitalizzazione con un ticker interessante 😀 Olympic Steel ha registrato un forte aumento all'inizio dell'anno grazie allo shock sul mercato dell'acciaio provocato dall'invasione dell'Ucraina da parte della Russia.

Questo è stato un altro shock per le azioni ZEUS, che è arrivato quando il boom dei metalli è entrato nel vivo nel 2021. Tuttavia, nonostante il triplicarsi dei prezzi dal 2020, l'azienda di prodotti siderurgici rimane un value play. La società viene scambiata a meno di cinque volte gli utili e con uno sconto del 15% sul valore contabile.

Nell'ultimo anno, il titolo Olympic Steel è rimasto pressoché invariato, fonte.

Considerando i timori che un rallentamento economico possa porre fine al boom dei metalli, è logico che Olympic abbia una valutazione così bassa. Allo stesso tempo, il mercato potrebbe sottovalutare la durata del boom. Secondo le previsioni degli analisti, gli utili per azione dovrebbero diminuire solo leggermente (8,31 dollari nel 2022 e 7,32 dollari nel 2023).

Disclaimer: ispirato al post di Thomas Niel, questo non è un consiglio di investimento. Non sono un investitore professionista.


No comments yet
Timeline Tracker Overview