Zuckerberg sul banco degli imputati? Meta è sull'orlo del disastro economico

L'Unione Europea ha minacciato di chiudere Facebook e Instagram già quest'estate, il che potrebbe avere conseguenze fatali per Meta $FB+0.5%. L'UE teme che entrambi i social network inviino attualmente i dati degli utenti europei a depositi di dati negli Stati Uniti, dove le politiche sulla privacy sono meno rigide (in altre parole, meno protette e più soggette ad abusi). Quanti danni può causare?

Nel febbraio di quest'anno, Mark Zuckerberg ha dichiarato agli investitori di non vedere questa situazione come una minaccia per l'azienda. Tuttavia, l' Independent britannico riporta che si sta avvicinando il giorno di una decisione chiave sul futuro di Facebook e Instagram in Europa. La decisione finale sul divieto potrebbe arrivare già in estate. Quali potrebbero essere le conseguenze?

Per avere un quadro dell'intera situazione, dobbiamo tornare un po' indietro nel tempo. Siamo nel 2022 e all'inizio di febbraio Meta ha comunicato gli ultimi risultati su vendite, profitti, ma soprattutto sul numero di utenti attivi giornalieri.

L'andamento del numero di utenti giornalieri di Facebook è stato finora in crescita, quindi la pubblicazione di nuovi dati sfavorevoli sugli utenti è stata una notizia inaspettata. Espresso in cifre, il numero di utenti attivi giornalieri (DAU) del social network è sceso da 1,930 miliardi a 1,929 miliardi su base annua.

Tuttavia, dal punto di vista economico, l'azienda si è comportata bene, con ricavi addirittura in crescita. La crescita su base annua nel quarto trimestre è stata del 20% per un totale di 33,67 miliardi di dollari. Per l'intero anno, Meta ha guadagnato quasi 118 miliardi di dollari, con un aumento del 37% rispetto all'anno precedente.

Il mercato ha assorbito principalmente solo la parte negativa di questo rapporto, provocando un ribasso di oltre il 25% da queste vette. Devo sottolineare che l'azienda ha perso più del 25% in un solo giorno e che il declino è stato sempre più profondo. Inoltre, le prossime prospettive di crescita dell'azienda sono state gradualmente ridotte.

A cosa mi riferisco?

Facciamo finta che l'UE faccia rispettare il suo divieto. In tutta l'UE, ci sono più di 307 milioni di utenti attivi di Facebook, e Instagram, secondo gli ultimi dati, dice che più di 130 milioni di utenti lo stanno usando.

Riuscite a immaginare le conseguenze se l'UE vietasse l'uso di queste piattaforme? Meta non solo ha subito una flessione del 26% dopo aver appreso la notizia del calo degli utenti giornalieri, ma la forza trainante, Mark Zuckerberg, ha perso circa 30 miliardi di dollari. In altre parole, la perdita dell'UE sarebbe catastrofica per l'azienda.

Lo stesso Zuckerberg ha finora smentito questa possibilità, ma l'UE richiederà modifiche e procedure appropriate nel modo in cui opera e conserva questi dati sensibili. Per ora, tuttavia, non si sa molto di un eventuale piano di cambiamento.

Come lo vedo?

Meta dovrà infine adattarsi

Quindi, anche se le autorità stanno (formalmente) preparando un divieto che dovrebbero portare a compimento, è praticamente impensabile. Probabilmente si tratta solo di un tentativo di aumentare la pressione su Meta che, molto probabilmente, dovrà adattarsi alle nuove normative dell'UE e alla fine trovare un modo per archiviare i dati contestati esclusivamente all'interno dell'Unione Europea.

Potrebbe esserci una fregatura. Anche i leader dell'UE stanno discutendo che senza questi soc. reti, la vita sarebbe ''migliore''. In particolare, Francia e Germania (e, da lontano, la Gran Bretagna, che non fa più parte dell'UE) si sono opposte al Met.

Tuttavia, Zuckerberg non trova il sostegno nemmeno degli utenti quotidiani: gli utenti di Facebook rispondono addirittura che se la cavano abbastanza bene senza dedicare tempo a questi social network. Non se la passano bene su queste reti, che per molti versi distorcono il discorso sociale con il loro libero accesso alla verifica delle fonti e dei dati.


No comments yet
Timeline Tracker Overview