Il CEO di JPMorgan non vede affatto bene il futuro dell'economia statunitense, e gli è bastato un paragrafo per…

Jamie Dimon è oggi una figura piuttosto nota. Naturalmente, non solo perché è l'amministratore delegato di una delle più antiche e grandi banche del mondo, ma anche per le sue opinioni sull'economia globale, che sono a dir poco interessanti. Nell'ultima relazione trimestrale di JPMorgan $JPM-3.2% ha presentato il suo punto di vista sulla situazione attuale, ma soprattutto futura.

Jamie Dimon fa seguito alla sua previsione di un "uragano economico"

Giovedì scorso, l'amministratore delegato di JPMorgan Chase, Jamie Dimon, ha riassunto in un solo paragrafo lo stato dell'economia statunitense, che non è del tutto positivo.

Da un lato, Dimon ha affermato che"l'economia statunitense continua a crescere e sia il mercato del lavoro che la spesa dei consumatori e la loro capacità di spesa rimangono sani".

Poi ha elencato una serie di segnali d'allarme e ha detto: "Ma le tensioni geopolitiche, l'inflazione elevata, il calo della fiducia dei consumatori, l'incertezza sul livello dei tassi, l'inasprimento quantitativo senza precedenti e i suoi effetti sulla liquidità globale, uniti alla guerra in Ucraina e al suo effetto dannoso sui prezzi globali dell'energia e dei prodotti alimentari , è molto probabile che abbiano conseguenze negative per l'economia globale a un certo punto del futuro".

I commenti di Dimon, espressi nell'ultima relazione trimestrale di JPMorgan Chase, giungono in un momento in cui gli investitori e gli economisti stanno cercando di stabilire se l'economia è destinata a una recessione. Ma la recente serie di dati economici non ci ha detto molto.

Il bene

Secondo i commenti rilasciati dai dirigenti di JPMorgan durante la telefonata sugli utili, non ci sono ancora indicazioni che l'economia statunitense si stia avviando verso una recessione.

Come ha dichiarato Dimon, il mercato del lavoro sembra avere fondamentali solidi. Il mese scorso, l'economia statunitense ha creato 372.000 nuovi posti di lavoro, battendo le stime del Dow Jones di 250.000 unità. Nel frattempo, il mese scorso la retribuzione oraria media è cresciuta a un tasso annuo del 5,1%.

Anche la spesa per i consumi sembra essere in aumento, anche se a un ritmo più lento. La spesa è aumentata dello 0,2% a maggio, meno della stima Reuters dello 0,4%.

Anche all'interno dell'attività di JPMorgan sono emersi segnali di forza dei consumatori. I consumatori continuano a spendere facilmente in beni superflui come i viaggi e le cene al ristorante. Nella divisione consumer e community banking, la spesa combinata per carte di debito e di credito è aumentata del 15% nel secondo trimestre. I prestiti con carta sono aumentati del 16% e la creazione di nuovi conti ha continuato a essere forte.

Tuttavia, questa potrebbe essere la fine delle buone notizie.

Il male

L'indice dei prezzi al consumo, un importante indicatore dell'inflazione, è aumentato il mese scorso del 9,1% rispetto a un anno prima. Questo dato ha battuto le previsioni del Dow Jones dell'8,8% e il mercato ha registrato il ritmo di inflazione più veloce dal 1981. Il forte aumento dei prezzi dell'energia è una delle cause principali di questo incremento. Il West Texas Intermediate, il benchmark petrolifero statunitense, è salito di oltre il 28% nel 2022, mentre la guerra tra Ucraina e Russia accresce le preoccupazioni per la già scarsa offerta sul mercato.

L'aumento dei prezzi ha anche smorzato l'umore dei consumatori statunitensi. L'indice del sentimento dei consumatori dell'Università del Michigan ha toccato un minimo storico il mese scorso, scendendo a 50 punti.

Queste pressioni inflazionistiche hanno spinto la Federal Reserve a inasprire la politica monetaria più rapidamente di quanto gli investitori si aspettassero quest'anno. Il mese scorso la banca centrale ha aumentato i tassi di 0,75 punti percentuali e alcuni economisti di Wall Street si aspettano che la Fed aumenti i tassi fino a un punto intero più tardi, a luglio. L'inflazione ha anche enormi implicazioni politiche negli Stati Uniti. Secondo un sondaggio condotto dal Pew Research Center, l'indice di gradimento del presidente Joe Biden è sceso al 37%: la maggioranza degli americani ritiene che le sue politiche abbiano peggiorato l'economia. Pew ha anche rilevato che solo il 13% degli americani giudica le condizioni economiche degli Stati Uniti "eccellenti/buone".

Le osservazioni di Dimon fanno seguito a quelle del mese scorso, in cui aveva avvertito gli investitori di prepararsi a un "uragano" economico.

Disclaimer: ispirato alla relazione di Fred Imbert.


No comments yet
Timeline Tracker Overview