Il peggio della crisi petrolifera sembra essere stato per ora scongiurato. Cosa c'è dopo?

Ognuno di noi è stato probabilmente colpito in qualche modo dai recenti eventi legati all'aumento del prezzo del carburante. Direttamente o indirettamente. Ma a detta di tutti, sembra che potremmo essere fuori dalla fase peggiore. L'Agenzia Internazionale per l'Energia ha dichiarato mercoledì che la peggiore crisi di approvvigionamento petrolifero degli ultimi decenni mostra vaghi segni di attenuazione, mentre l'indebolimento della crescita economica pesa sulla domanda di petrolio e le sanzioni imposte alla Russia stanno avendo un impatto minore del previsto sulla produzione di petrolio.

Un barlume di speranza. Forse siamo fuori dal bosco!

L'agenzia parigina ha tagliato le previsioni sulla domanda di petrolio per quest'anno e per il prossimo. Nel suo rapporto mensile sul mercato petrolifero, molto seguito, ha dichiarato che i prezzi storicamente elevati per barile di petrolio stanno scoraggiando i consumatori, mentre l'indebolimento della crescita economica globale - a sua volta prodotto dell'alta inflazione e delle politiche delle banche centrali - sta minando la domanda.

Nel frattempo, i produttori statunitensi e canadesi sono stati diligenti nell'aumentare la produzione globale e le sanzioni imposte all'industria petrolifera russa hanno avuto un impatto minore sui suoi livelli di produzione rispetto a quanto inizialmente previsto.

Questa combinazione stava già mostrando i potenziali segni di un peso sui prezzi del petrolio, che sono saliti a più di 120 dollari al barile dopo l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia, ma che sono scesi bruscamente nell'ultimo mese.

I principali produttori di petrolio hanno aumentato lentamente la produzione allo stesso ritmo della ripresa della domanda globale. Le sanzioni occidentali imposte alla Russia hanno impedito a uno dei maggiori esportatori di petrolio al mondo di fornire milioni di barili di greggio, anche se il Paese sta cercando acquirenti alternativi in Cina e India.

https://www.youtube.com/watch?v=Ti1EfZ2l1sU

Gli alti prezzi del petrolio sono positivi per l'OPEC+, un'alleanza di Paesi produttori di petrolio che controlla più della metà della produzione globale. Shelby Holliday del WSJ spiega come i Paesi dell'OPEC+ stanno gestendo l'entrata e perché è improbabile che prendano le distanze dalla Russia.

Nel frattempo, l'Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio, l'unione dei maggiori produttori di petrolio al mondo, sta lottando per raggiungere gli obiettivi previsti di aumento graduale della produzione. Secondo gli analisti, i membri del gruppo sono vicini a pompare petrolio al massimo della loro capacità. Il membro principale, l'Arabia Saudita, è stato riluttante ad aumentare la sua produzione per compensare la perdita di petrolio russo. L'OPEC si è unita alla Russia e a un gruppo di altri produttori in un raggruppamento noto come OPEC+.

Secondo l' AIE, questi prezzi elevati stanno iniziando a scoraggiare la domanda di petrolio. L'agenzia ha tagliato di 240.000 barili al giorno la stima della domanda per quest'anno, portandola a 99,2 milioni di barili al giorno. Anche la domanda nel 2023 sarà inferiore di 280.000 barili al giorno rispetto alle precedenti previsioni, raggiungendo i 101,3 milioni di barili al giorno.

Tuttavia, l'AIE prevede che l'impatto sulla domanda sarà modesto, poiché la ripresa economica cinese ha contribuito a compensare il calo della domanda di petrolio in altre parti del mondo.

L'agenzia ha aumentato di 300.000 barili al giorno la stima dell'offerta per quest'anno, portandola a 100,1 milioni di barili al giorno. L'AIE ha aumentato di 240.000 barili al giorno la stima della produzione petrolifera russa per quest'anno, portandola a 10,6 milioni di barili al giorno. A giugno, l'offerta globale di petrolio è aumentata di 690.000 bpd a 99,5 milioni di bpd, soprattutto a causa di una produzione russa migliore del previsto.

Le sanzioni hanno pesato pesantemente sulle esportazioni di petrolio russo, ma l'aumento dei prezzi del petrolio ha fatto sì che Mosca guadagnasse ancora molto di più rispetto a prima della guerra, secondo i dati dell'AIE. Le esportazioni di petrolio della Russia sono scese a giugno al livello più basso dall'agosto 2021, ma i ricavi delle esportazioni di petrolio sono aumentati di 700 milioni di dollari a 20,4 miliardi, il 40% in più rispetto alla media del 2021.

Disclaimer: questa non è in alcun modo una raccomandazione di investimento. Si tratta di una sintesi e di un'analisi puramente mie, basate su dati provenienti da Internet e da diverse altre analisi. Investire nei mercati finanziari è rischioso e ognuno dovrebbe investire in base alle proprie decisioni. Sono solo un dilettante che condivide le proprie opinioni.


No comments yet
Timeline Tracker Overview