Rio Tinto ha messo gli occhi su una delle più grandi miniere di minerale di ferro del mondo. È il momento giusto per…

L'azienda mineraria Rio Tinto $RIO-1.4% ha riportato un paio di giorni fa risultati trimestrali in peggioramento, causati principalmente dalla riduzione dei margini di profitto (29% in meno su base annua), che hanno portato la società a tagliare il dividendo del 50%. Il gigante minerario è stato afflitto da molti fattori che continuano a riflettersi sul prezzo delle sue azioni. Le azioni di $RIO-1.4% appaiono sottovalutate ai prezzi attuali, il che potrebbe rappresentare una grande opportunità per noi. Inoltre, la società ha davanti a sé un affare molto interessante: è in gioco una svolta nello sviluppo della più grande miniera di minerale di ferro non sfruttata al mondo.

Prima di arrivare al punto principale dell'articolo, ovvero la svolta nello sviluppo di una delle più grandi miniere di minerale di ferro al mondo, diamo un'occhiata a ciò che ha turbato l'azienda nel trimestre precedente.

Risultati in peggioramento

  • Uno dei motivi principali del peggioramento dei risultati e del calo del dividendo è stato il raffreddamento della domanda di minerale di ferro da parte della Cina, accompagnato da un aumento dei costi e dalla carenza di manodopera qualificata.
  • Da allora, i prezzi del-1.4% minerale di ferro e di altre materie prime sono stati messi sotto pressione a causa delle continue preoccupazioni sulla domanda da parte del principale produttore di acciaio (Cina), con la politica del "patto zero" del Paese che ha frenato l'attività economica e ha pesato sui mercati del ferro.

Rio, uno dei maggiori produttori mondiali di minerale di ferro, ha registrato un utile sottostante di 8,63 miliardi di dollari per i sei mesi conclusi il 30 giugno, rispetto al record di 12,17 miliardi di dollari dell'anno precedente.

"Sebbene il contesto dei prezzi stia diventando più difficile, le prospettive della domanda rimangono positive", ha dichiarato l'amministratore delegato Jakob Stausholm in una conferenza stampa dopo i risultati.

Le prospettive per il prossimo trimestre dovrebbero essere ancora un po' più deboli a causa delle catene di approvvigionamento e della situazione economica in Cina. A medio termine, le cose stanno già migliorando, poiché si prevede che la Cina sarà in grado di riprendersi rapidamente dal contesto economico e di recuperare la sua forte domanda di minerale di ferro.

Le azioni di $RIO-1.4% sono sottovalutate?

  • Secondo i loro calcoli, il titolo $RIO-1.4% è sottovalutato (di circa il 13%).
  • Inoltre, la società mantiene un basso P/E (5,2), a conferma del fatto che le azioni $RIO-1.4% sono ancora a buon mercato.

L'argomento principale dell'articolo rimane la notizia:

Il progetto Simandou è stato affrontato pochi giorni fa👇

Rio Tinto ha dichiarato di essere vicina a una svolta nell'accordo per lo sviluppo dell'enorme progetto Simandou in Guinea, la più grande miniera di minerale di ferro non sfruttata al mondo. I negoziati si stanno concentrando sull'eventualità che il governo paghi la sua parte di costi per la costruzione di ferrovie e porti che potrebbero costare più di 10 miliardi di dollari.

Attualmente:

Le trattative tra gli investitori e il governo guineano per la costruzione di una ferrovia per l'esportazione del minerale sono finalmente vicine a una soluzione che "potrebbe essere implementata molto rapidamente", ha dichiarato Jakob Stausholm, CEO di Rio Tinto.

La filiale guineana di Rio Tinto ha costituito una joint venture infrastrutturale con il Winning Consortium Simandou (WCS) e il governo, aprendo la strada alla ripresa dei lavori del più grande progetto di minerale di ferro non sviluppato al mondo.

  • La joint venture ferroviaria e portuale (JV) di Simandou è una pietra miliare per Rio e WCS.
  • Come concessione alla giunta militare della Guinea, le società hanno ceduto al governo una partecipazione del 15% nell'impresa comune.

La giunta, che ha preso il potere con un colpo di stato lo scorso settembre, ha ordinato di fermare tutti i lavori sul progetto Simandou, frustrata dalle pressioni esercitate dalle aziende per ottenere la partecipazione del governo.

"La Repubblica di Guinea assicura ai partner e al mondo che svilupperà il progetto Simandou nel migliore interesse del popolo guineano e di tutti i partner", ha dichiarato il presidente del comitato governativo Simandou.

Qual è l'accordo?

WCS e una filiale di Rio detengono ciascuna il 42,5% della nuova società, che sarà "centrale" per lo "sviluppo congiunto" della ferrovia e del porto di oltre 600 km in costruzione per l'esportazione del minerale da Simandou, nel remoto angolo sud-orientale della Guinea, hanno dichiarato i partner in un comunicato.

  • È anche un passo avanti per garantire i necessari finanziamenti per le infrastrutture.

Le compagnie hanno dichiarato di essersi impegnate a sviluppare l'infrastruttura "in conformità con gli standard ambientali, sociali e di governance riconosciuti a livello internazionale".

La ferrovia attraverserà aree sensibili dal punto di vista ambientale, tra cui gli habitat degli scimpanzé in pericolo di estinzione, e si prevede che creerà un significativo cambiamento socio-economico collegando aree remote del Paese impoverito con il porto nel distretto di Forecariah.

  • Rio e WCS hanno dichiarato che alla fine apriranno la ferrovia al traffico passeggeri, anche se questo non è stato menzionato nella dichiarazione di giovedì.

Non si tratta di una consulenza finanziaria. Ogni investimento deve essere sottoposto a un'analisi approfondita.


No comments yet
Timeline Tracker Overview