Un investitore che ha investito in Facebook nel 2004 (dis)consiglia questo titolo

Nel 2004, Peter Thiel è diventato il primo investitore esterno di Facebook, acquisendo una quota del 10,2% della società per 500.000 dollari. È stato il primo investimento esterno in Facebook, che all'epoca valutava l'azienda 4,9 milioni di dollari. Durante l'IPO di Facebook nel maggio 2012, Thiel ha poi venduto 16,8 milioni di azioni per 638 milioni di dollari. Oggi analizzeremo insieme un investimento molto interessante di Peter Thiel che potrebbe essere considerato un grosso errore, ma che ha anche un certo potenziale...

Mark Zuckerberg e Peter Thiel

Ecco un racconto cautelativo della fine dell'anno scorso che forse vi è sfuggito, ma che contiene sicuramente un forte avvertimento a non essere fiduciosi nelle previsioni sull'immunologia umana. Come è emerso durante l'ondata Omicron, e sono molto, molto contento di usare il passato in questa frase, diversi anticorpi monoclonali esistenti contro la SARS-Cov-2 si sono rivelati inutili contro la nuova variante. Allo stesso tempo, l'efficacia della vaccinazione si è ridotta, ma è rimasta comunque a un livello molto utile dopo l'iniezione di richiamo.

Adagio $ADGI+0.9%

È qui che entra in gioco Adagio $ADGI+0.9%, una piccola società in cui Peter Thiel ha appena investito. Sul loro sito web è ancora possibile vedere il loro anticorpo ADG20, che avrebbe dovuto essere ampiamente neutralizzante e colpire un'ampia gamma di tipi di coronavirus (e i loro mutanti). Si può dire che Adagio ha immediatamente aumentato le aspettative e il potenziale di vaccinazione.

Ecco un comunicato stampa di fine novembre in cui si afferma che nessuna delle mutazioni di Omicron è legata alla fuga dall'implacabile ADG20. Si aspettavano che avrebbe funzionato, che avrebbe funzionato bene, che avrebbe affrontato Omicron e tutte le altre varianti che avevano sollevato preoccupazioni fino a quel momento, che sarebbe stato ben equipaggiato per affrontare qualsiasi altra novità e che una singola iniezione sarebbe stata efficace fino a un anno.

Chi ha acquistato l'IPO di agosto (o il precedente finanziamento privato di oltre 300 milioni di dollari) è stato probabilmente felice di sentire tutto questo; il titolo è salito da circa 18 a oltre 46 dollari dopo la notizia. I festeggiamenti, tuttavia, non durarono a lungo. Due settimane dopo, i risultati clinici hanno dimostrato che ADG20 non era efficace contro Omicron.

Crollo delle azioni di$ADGI+0.9%

Le azioni sono crollate a 7 dollari e, se le cercate oggi, potete ottenerle a meno di questa cifra. Proprio come ha fatto Peter Thiel nel marzo di quest'anno(28.03.2022) al prezzo di 3,81 dollari. Questo mi porta alla mia domanda... Nonostante il titolo continui a essere assolutamente devastato, Peter Thiel ha deciso di investirci e la sua posizione è attualmente in attivo di circa il 19,69%.

Peter Thiel si aspetta un'altra forte impennata del titolo, oppure si tratta di un cattivo investimento che probabilmente lo porterà a perdere? Cosa ne pensate, fatecelo sapere nei commenti...

DISCLAIMER: non sono un professionista dell'investimento, ma solo un investitore al dettaglio con un occhio di riguardo, quindi questa non è una raccomandazione di investimento.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Hai un account? Poi accedi , o creane uno nuovo.

No comments yet
Timeline Tracker Overview