Il mercato toro è in arrivo e tutto non potrà che crescere entro la fine dell'anno. Cosa porta un economista di primo…

L'attuale situazione di mercato è tale che nessuno sa nulla. Anche le maggiori banche e istituzioni finanziarie statunitensi non concordano sulle loro stime. Per niente. Alcuni sono estremamente ribassisti, altri relativamente neutrali e altri ancora fortemente rialzisti. Tra questi rialzisti ci sono Fundstrat, BMO e soprattutto JPMorgan che, guidata dal suo economista di punta, vede l'S&P 500 a 4800 dollari entro la fine dell'anno!

Secondo JPMorgan, tutto salirà solo entro la fine dell'anno.

Dalla fine di giugno, l'S&P 500 è salito di quasi il 10%. E secondo JPMorgan, la crescita è ancora maggiore.

I nomi più noti della finanza di Wall Street e i loro analisti hanno ribadito il loro obiettivo di fine anno per l'S&P 500 di 4.800 punti. Con l'indice attualmente a circa 3.900, l'obiettivo di JPMorgan per $JPM-0.8% implica un potenziale rialzo di poco inferiore al 20%.

Il problema è che la maggior parte dei loro colleghi di Wall Street rimane più o meno neutrale nelle previsioni, oppure è fortemente ribassista. Si veda questa bella immagine👇 , che riassume e sintetizza le previsioni delle maggiori istituzioni finanziarie e i loro prezzi obiettivo.

Previsioni sul valore dell'indice dei nomi più altisonanti. Fonte

JPMorgan, guidata dal capo economista Bruce Kasman, rileva diversi fenomeni significativi. Ad esempio, il fatto che una quantità significativa di denaro sta affluendo sul mercato da parte degli investitori.

"Oltre ai buyback, questi investitori potrebbero fornire un afflusso costante di diversi miliardi al giorno di azioni nei prossimi 2-3 mesi", afferma Marko Kolanovic, chief global markets strategist di JPMorgan, in una nota agli investitori.

https://www.youtube.com/watch?v=2S2yA1--vEQ

Negli ultimi mesi l'indice S&P 500 è stato ampiamente scambiato al di sotto della sua media mobile a 200 giorni. Kolanovic si azzarda persino a citare cifre specifiche. A suo avviso, se l'indice riuscisse a superare la media mobile a 200 giorni, potrebbe portare a circa 100 miliardi di dollari di afflussi di investimenti. Beh... un'affermazione audace e interessante. Sarebbe bello, senza dubbio.

Tuttavia, visti gli sviluppi degli ultimi 2-3 giorni, sembra che la situazione stia regredendo. O almeno che dovremo aspettare un po'.

Anche Kolanovic si è espresso sulla Fed. Non crede che l'atteggiamento da falco della banca centrale persisterà.

Dice che stiamo ancora una volta deviando dal piano e dicendo che l'inflazione si risolverà da sola. Scrive inoltre che JPMorgan ritiene che, con un aumento di 75 punti base, la Fed abbia esagerato inutilmente. D'altra parte, dicono che potrebbe avere un impatto positivo su alcune parti del mercato.

"Questa reazione eccessiva della Fed e il successivo, ma in gran parte non correlato, calo dell'inflazione porteranno probabilmente a un'inversione della Fed, il che è positivo per gli asset ciclici. "

Pur avendo un obiettivo di prezzo rialzista per l'S&P 500, JPMorgan non consiglia di acquistare semplicemente l'indice nel suo complesso.

JPM non consiglia di acquistare l'indice nel suo complesso

Kolanovic sconsiglia inoltre di inseguire i titoli tecnologici a grande capitalizzazione o i titoli a prova di recessione che stanno già scambiando di nuovo vicino ai massimi storici. Potrebbe avere ragione, ma questo eliminerebbe la maggior parte dei potenziali investimenti.

Le opportunità che vede si basano sulle valutazioni.

"Ci sono segmenti di mercato, come quello dell'energia, che scambiano a P/E a una sola cifra e persino alcuni mercati ampi, come l'indice S&P 600 small cap, che scambiano a multipli da recessione", scrive.

Ma è difficile sapere se ha ragione. In effetti, gran parte di Wall Street sostiene che il mercato si muoverà nella direzione esattamente opposta a quella pensata da JPMorgan. Si pensi, ad esempio, a società come BofA.

Bank of America ha ampiamente abbassato il suo obiettivo per il 2022 per l'indice S&P 500 da 4.500 a 3.600.
Il nuovo obiettivo di fine anno è il più basso di Wall Street, come ha dichiarato la stessa banca. BofA prevede una lieve recessione negli Stati Uniti a partire dalla seconda metà del 2022. Finora non ci hanno azzeccato. Ma tutto può ancora accadere.

"Abbiamo trovato 11 indicatori che storicamente si sono verificati prima che il mercato toccasse il fondo, uno dei quali è il taglio dei tassi della Fed, che si è sempre verificato prima dell'inizio del mercato toro", ha scritto Savita Subramanian.

I loro economisti prevedono che la Fed taglierà i tassi per la prima volta nel terzo trimestre dell'anno fiscale 2012. È quindi chiaro che il loro punto di vista è esattamente l'opposto di quello di JPMorgan.

Chi pensa che abbia ragione? Vedremo un aumento a 4800 entro la fine, come dice JPMorgan, o il contrario, un calo secondo lo scenario BofA? O resteremo più o meno ai livelli attuali (cosa che, tra l'altro, pensano anche diversi altri importanti istituti di Wall Street)?

Se vi piacciono i miei articoli e i miei post, sentitevi liberi di seguirmi. Grazie! 🔥

Disclaimer: questa non è in alcun modo una raccomandazione di investimento. Si tratta di una sintesi e di un'analisi puramente mia, basata su dati provenienti da Internet e su alcune altre analisi. Investire nei mercati finanziari è rischioso e ognuno dovrebbe investire in base alle proprie decisioni. Sono solo un dilettante che condivide le proprie opinioni.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Hai un account? Poi accedi , o creane uno nuovo.

No comments yet
Timeline Tracker Overview