Analisi di Kofola: un'azienda di qualità in cui si trovano stabilità e forza come nell'americana Coca-Cola.

Il gigante delle bevande, che ha una posizione significativa non solo sul mercato ceco nel settore delle bevande analcoliche. Tutti la conoscono, tutti hanno bevuto il suo prodotto. Senza esagerare, si potrebbe definire la Coca-Cola ceca. Vediamo perché non dovreste trascurare questo forte rappresentante della Borsa di Praga nei vostri investimenti.

Presentazione di Kofola

Kofola ČeskoSlovensko a.s., insieme alle sue filiali, produce e distribuisce bevande analcoliche nella Repubblica Ceca, in Slovacchia, Slovenia, Croazia, Polonia e a livello internazionale. Offre bevande gassate e non, acqua, sciroppi, marmellate, bevande energetiche e isotoniche, succhi freschi, barrette fresche e insalate, tisane e miscele di caffè in grani. L'azienda offre i suoi prodotti principalmente con i marchi Kofola, Vinea, Radenska, Studenac, Korunní, Rajec, Ondrášovka, Kláštorná Kalcia, Jupí, Jupík, Semtex, UGO, Leros, Café Reserva, Trepallini, Rauch, Evian, Badoit, Vincentka e Dilmah, oltre che con marchi privati per conto di terzi, come le catene di supermercati. Si occupa anche di servizi di trasporto su strada, licenze di marchi, attività di marketing e gestione di una rete di bar freschi. La storia di Kofola risale al XIX secolo.

Fonte: pse.cz

L'IPO dell'azienda è avvenuta nel 2015. Le azioni di Kofola sono attualmente scambiate a 275 CZK, con un calo del prezzo di quasi il 16% nell'ultimo anno. La capitalizzazione di mercato è attualmente di 5,82 miliardi di CZK. Negli ultimi 12 mesi, il rapporto PE si attesta a 19,7, un valore piuttosto sopravvalutato per un produttore di bevande.

Punti salienti

Cominciamo dalle vendite, che negli ultimi anni sono state incostanti. Il record di 7,15 miliardi di dollari è stato raggiunto nel 2015, ma da allora l'azienda non si è mai avvicinata a questa cifra. L'anno scorso l'azienda ha realizzato 6,64 miliardi di CZK, con un miglioramento del 7,53% rispetto al 2020. L'utile lordo ha raggiunto i 2,926 miliardi di CZK l'anno scorso, seguendo la tendenza degli ultimi 4 anni a mantenere i margini lordi a oltre il 44%. Questo è abbastanza accettabile se si considera l'attività di Kofola.

Ora possiamo passare all'EBITDA e all'utile netto. Kofola riporta solo l'EBITDA, calcolato come utile/perdita operativa più ammortamenti. Di norma, all'EBITDA si aggiungono gli interessi passivi e le imposte. Come riporta Koyfin, l'anno scorso l'EBITDA è stato di 912,5 milioni, con un miglioramento del 7,4% rispetto al 2020. Il margine EBITDA è stato superiore al 13% negli ultimi 5 anni. L'utile netto è stato di 248,8 milioni l'anno scorso, con un discreto miglioramento dell'85% rispetto al 2020, ma dobbiamo tenere conto della perdita del 2018. Il PE è stato intorno al livello di 20 negli ultimi anni, ma è aumentato significativamente nel 2020, quando l'utile è stato ridotto a causa del covide.

Fonte.

Risultati finanziari

Nell'ambito degli utili delle società, sono sempre più interessato ai segmenti e alla distribuzione geografica dei ricavi e al loro andamento. La maggior parte del denaro proviene dal segmento CzechoSlovakia, ovvero dalle vendite di bevande nella Repubblica Ceca e in Slovacchia. In totale, l'anno scorso l'azienda ha realizzato 4,796 miliardi di CZK in queste regioni, pari al 72,3% del fatturato totale. Si tratta di un leggero calo rispetto al 2020, quando la quota era del 73%. La seconda quota più grande è rappresentata dal segmento adriatico, cioè Slovenia e Croazia, che ha generato 1,231 miliardi di CZK lo scorso anno, pari al 18,6% delle vendite. È interessante notare che la quota di vendite in questi Paesi è aumentata dello 0,9%. L'ultimo segmento è quello dei prodotti freschi ed erboristici, in cui rientra l'azienda polacca, ma anche la ceca Ugo o la slovacca Leros. L'anno scorso Kofola ha guadagnato qui il 9,1% delle vendite.

Fonte: investor.kofola.cz

Quali sono i prodotti specifici che fanno più soldi? Come si può vedere nella schermata sottostante, le bevande gassate sono al primo posto, con un guadagno di 2.527 miliardi di CZK nel 2021, pari a una quota del 38%. Seguono a ruota le acque, che hanno venduto un totale di 2,213 miliardi di CZK con una quota del 33,4%. Le bevande ferme hanno poi una quota del 9,1%, gli sciroppi del 7,7%, le barrette e le insalate fresche del 3,7% e il resto dei prodotti dell' 8%. L'aumento nel segmento Acqua include l'impatto dell'acquisizione di ONDRÁŠOVKA e Karlovarská Korunní (l'acquisizione è avvenuta nel secondo trimestre del 2020) e l'aumento nel segmento Altro è dovuto principalmente alle vendite dei prodotti LEROS e Premium Rosa, ma anche alle vendite dei prodotti energetici Semtex.

Fonte: investor.kofola.cz

Nella schermata successiva possiamo ancora vedere la distribuzione geografica delle vendite, che si intreccia con i tre segmenti principali già menzionati.

fonte: investor.kofola.cz

All'interno del bilancio, possiamo notare che Kofola possiede 7,235 miliardi di CZK in attività, che è il 4% in meno rispetto al 2020. Qui, le attività fisse sono predominanti, numericamente sono 5,306 miliardi di CZK, che è una diminuzione del 6,6% rispetto al 2020. Di gran lunga la voce più grande è terreni, edifici e attrezzature. Questo è logico, poiché comprende, ad esempio, i capannoni in cui avviene la produzione dei loro prodotti. Questi beni rappresentano oltre il 60% delle immobilizzazioni. La seconda voce in ordine di importanza è costituita dalle attività immateriali, che comprendono brevetti o marchi. Le attività immateriali rappresentano un totale del 23,5% delle immobilizzazioni. È diminuito rispetto all'anno precedente soprattutto a causa degli ammortamenti.

Fonte: investor.kofola.cz

Le variazioni delle passività sono state commentate dalla società come segue. La diminuzione dei prestiti bancari e dei finanziamenti è dovuta ai rimborsi regolari e al rimborso parziale della linea di credito in conto corrente della società. Le riserve dell'azienda sono aumentate a causa dell'incremento delle retribuzioni dei dipendenti e degli accantonamenti per i contenziosi. La diminuzione delle altre passività non correnti è legata allo scioglimento di un credito per una sovvenzione pubblica. I debiti commerciali e gli altri debiti sono aumentati a causa dell'incremento dei debiti commerciali, dei debiti CAPEX e dei maggiori anticipi ricevuti per gli imballaggi a rendere.

fonte: investor.kofola.cz

L'ultima parte importante della relazione annuale è il flusso di cassa, dove mi concentrerò sul free cash flow (FCF). Il free cash flow è il denaro che rimane all'azienda dopo aver pagato le spese operative e gli investimenti. L'anno scorso, l'azienda ha ottenuto un FCF di 864,5 milioni, chiaramente il miglior risultato degli ultimi anni. In confronto, nel 2020, la liquidità libera dell'azienda era di 303,6 milioni di CZK, con un miglioramento del 185%. Certo, si tratta di un salto straordinario, ma se reggerà nel lungo periodo, aumenterà di molto il credito dell'azienda. Perché c'è stato un aumento così improvviso? In primo luogo, il free flow operativo è aumentato in modo significativo e le spese in conto capitale (CAPEX), i cui importi più elevati in passato erano dovuti a investimenti in attrezzature di produzione, sono diminuite.

Dividendi

Infine, vorrei citare i dividendi. Nell'ultimo anno, Kofola ha versato ai suoi azionisti un totale di 288.095 milioni di CZK. La società ha mantenuto i dividendi allo stesso livello dal 2018, a 13,5 CZK per azione. L'attuale prezzo dell'azione di 274 CZK implica quindi un discreto dividend yield di quasi il 5%. Nell'ambito dei dividendi, siamo ancora interessati al payout ratio, ossia a quanta parte dei profitti l'azienda distribuisce agli azionisti Nel caso di Kofola, è superiore al 93%, un valore piuttosto elevato. D'altra parte, si trovano molti casi nel mondo in cui il payout ratio si mantiene per lungo tempo al di sopra del 100% e le aziende sono ancora in buona salute finanziaria.

Sintesi

In termini di numeri, citerò il debito totale, che è piuttosto elevato, pari a 3,84 miliardi di CZK per l'anno scorso. Tuttavia, si tratta già di una riduzione del 12,5% rispetto all'anno del patto 2020. Si spera che questa tendenza continui a mantenersi.

Non prendete alla lettera il paragone con la Coca-Cola. Coca-Cola ha, ovviamente, una solidità finanziaria totale ed è la migliore del suo settore. Mi riferivo piuttosto alla somiglianza dei prodotti e all'ampiezza dell'attività. Coca-Cola è una grande azienda di portata internazionale che non si occupa di una sola bevanda che tutti conosciamo. Per me è importante. Ha il potenziale per far crescere sempre di più il suo marchio in paesi come la Polonia, la Croazia e altri. Personalmente, non ho ancora intenzione di investire in questa azienda, ma è sicuramente un titolo interessante. Solo dal punto di vista della diversificazione. Un produttore di bevande, anche se può sembrare noioso, troverà sempre i suoi clienti.

Questa non è una raccomandazione di investimento. Il testo serve solo come spunto per la vostra analisi prima di un eventuale investimento.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Hai un account? Poi accedi , o creane uno nuovo.

No comments yet
Timeline Tracker Overview