Morgan Stanley consiglia di vendere le proprie azioni in caso di rialzo. Gli analisti spiegano perché

La guerra continua. I prezzi delle materie prime, soprattutto il petrolio, l'oro, ma anche il palladio, per esempio, stanno salendo a un ritmo furioso. I mercati azionari, d'altra parte, stanno crollando. Ma per fortuna non in caduta libera (vedi l'economia russa, a destra). Allora cosa fare quando nessuno di noi ha affrontato le attuali condizioni del mercato azionario? Una delle più grandi banche del mondo , Morgan Stanley, si presenta con una raccomandazione.

Vale ancora la pena di comprare il tuffo, o è il momento di cambiare radicalmente la tua strategia?

Se sei un visitatore abituale di Bulios, starai pensando che probabilmente hai visto questo titolo da qualche parte. E hai ragione al 100%, perché pochi giorni fa è stato pubblicato questo articolo: In tempo di guerra, si dovrebbero vendere immediatamente le azioni su qualsiasi crescita.La Bank of America spiega perché.

Una ragione in più, quindi, per dare l'allarme.

Perché se colossi come Bank of America $BAC-1.7% e Morgan Stanley $MS-2.1% sono d'accordo su una visione identica, questo è davvero dire qualcosa.

Per cominciare, lasciamo che siano i numeri a parlare. Dall'inizio dell'anno, l'indice S&P 500 $^GSPC-0.7% è sceso di quasi il 12%, il Nasdaq 100 $^NDX-0.6% del 18,5% e l'indice Euro Stoxx 50 del 19%. Quelle sarebbero perdite. Di pari passo con questo, le materie prime stanno diventando più costose. L'oro ha guadagnato più del 13%, il petrolio è già più del 66% più caro e il prezzo del palladio, per esempio, è aumentato del 67%.

Sviluppo del prezzo del greggio Brent dall'inizio dell'anno, oggi il prezzo è già a 130 dollari al barile, fonte .

Qualsiasi aumento nel mercato azionario dovrebbe essere preso come un'opportunità per vendere come gli investitori affrontano una confluenza di fattori di rischio che porrà rischi eccessivi per il mercato, come gli analisti di Morgan Stanley hanno scritto in una nota di lunedì.

È improbabile che la Federal Reserve si discosti dal suo percorso di aumento dei tassi di interesse quest'anno, anche se la pressione sull'economia cresce, hanno scritto gli analisti guidati da Mike Wilson. I rischi maggiori diventeranno evidenti nelle prossime sei-otto settimane, hanno detto.

Siamo saldamente nella morsa di un mercato dell'orso che non è ancora finito in termini di tempo e di prezzi".

La banca ha citato il forte aumento dei prezzi del petrolio, le notizie sulla guerra in Ucraina e l'impegno della Fed a una politica più rigida come ragioni per cui il mercato degli orsi potrebbe approfondirsi ulteriormente.


No comments yet
Timeline Tracker Overview