Evita questi 3 titoli, è molto probabile che non si riprenderanno dalla situazione delle sanzioni

Il conflitto in corso tra Russia e Ucraina ha purtroppo avuto troppe sfortunate vittime. Gli investitori che non sono stati in grado di uscire dalle azioni russe prima che le borse internazionali sospendessero bruscamente il commercio di azioni russe possono ancora sperare di uscire una volta che il commercio riprende.

Anche se alcune aziende sono forti, potrebbero non recuperare.

Tuttavia, le dure, dolorose e paralizzanti sanzioni globali imposte alle entità russe, ai loro oligarchi e alle industrie chiave potrebbero minare qualsiasi prospettiva di recupero anticipato dalle perdite di capitale, poiché molti dei titoli colpiti potrebbero non tornare mai ai massimi prebellici. A partire da ora, non c'è modo per gli investitori di scambiare alcun titolo russo poiché Mosca ha chiuso il mercato azionario locale. Ha bloccato le vendite agli stranieri, le borse globali dove i titoli russi erano scambiati hanno sospeso il commercio delle azioni e delle attività finanziarie del paese, e i fornitori di indici hanno rimosso le attività dagli indici chiave.

1. Sberbank $SBRCY

Sberbank è un gigante bancario di proprietà della Banca di Russia. È la più grande banca del paese per attività e aveva una significativa presenza internazionale - fino a quando la bancarotta innescata dalle sanzioni internazionali ha cambiato le cose. Tutto è cambiato a febbraio, quando le sanzioni internazionali hanno incluso un'esclusione senza precedenti dalla rete di pagamento SWIFT per diverse banche russe, tra cui Sberbank. I clienti si sono affrettati a ritirare i fondi e la partenza dei servizi+0.3% VISA $V+0.8% e MasterCard $MA dalla+0.3%Russia ha danneggiato il suo business.

Le azioni di Sberbank sono state scambiate per l'ultima volta il 95% più in basso dall'inizio quando il gigante bancario russo ha annunciato il suo ritiro dal mercato europeo il 2 marzo 2022. Le filiali del gruppo "hanno affrontato un eccezionale deflusso di fondi" e "una serie di problemi di sicurezza riguardanti il personale e gli uffici". La banca non era più in grado di fornire liquidità alle sue banche affiliate europee, e la procedura di insolvenza avrebbe seguito la liquidazione degli attivi. Ciononostante, la banca ha mantenuto la proprietà della sua filiale svizzera, che ha affermato di continuare ad operare normalmente e di avere capitale sufficiente per continuare le operazioni. La banca ha appena venduto le sue filiali in Bosnia-Erzegovina, Croazia, Ungheria, Serbia e Slovenia nel novembre 2021, riducendo la sua esposizione all'Europa centrale e orientale. E ora hanno perso completamente la loro divisione europea.

2. Gazprom $OGZPY

Gazprom PJSC è la più grande società russa quotata in borsa per entrate annuali. Il proprietario di maggioranza della società integrata di petrolio e gas è il governo russo. Gazprom è uno dei principali fornitori di gas per i paesi dell'UE e ha estesi gasdotti attraverso la Russia occidentale verso l'Europa. Anche se gli europei sono stati lenti a vietare le forniture della compagnia a causa della sua attuale dipendenza dal suo gas. La Germania, tuttavia, ha dato un colpo alla compagnia quando ha deciso di non approvare il gasdotto Nord Stream 2, la cui costruzione ha assorbito miliardi.

Gazprom aveva una quota di maggioranza nel nuovo gasdotto e, a causa delle sanzioni tedesche, c'erano voci di mercato secondo cui Nord Stream 2 stava considerando il fallimento. I partner chiave, tra cui Shell, non sono più coinvolti nel progetto e il suo destino sembra desolante. La linea di fondo è che dopo anni di investimenti, Gazprom e i partner non saranno in grado di trarre profitto dalla vendita di gas attraverso il gasdotto di 767 miglia. Le autorità statunitensi hanno anche sanzionato la Nord Stream 2 AG, la società responsabile della costruzione del gasdotto. Nord Stream 2 è ora un'emergenza e un bene incagliato. Il gigante russo del petrolio e del gas potrebbe perdere contratti a lungo termine con i clienti nel 2022 e oltre. Forse il mercato cinese potrebbe aprirsi ai prodotti Gazprom. Tuttavia, le recenti sanzioni hanno fatto alcuni danni duraturi alle linee di finanziamento di Gazprom, alle valutazioni di credito e forse al suo potere di prezzo internazionale.

3. PhosAgro $PHOJY

PhosAgro, quotata a Londra, è una società russa che produce e distribuisce fertilizzanti al mercato globale. I suoi principali mercati sono la Russia e l'Europa. Le azioni comuni di PhosAgro sono controllate in maggioranza dal signor Andrei G. Guryev e dalla sua famiglia, mentre Vladimir S. Litvinenko possiede circa il 21% delle azioni della società. I due miliardari sono considerati troppo vicini al presidente russo. La maggior parte del fatturato annuale di PhosAgro è costituito da esportazioni internazionali. Le vendite all'esportazione per il 2021 hanno rappresentato il 73,7% del totale delle vendite annuali. Le esportazioni verso l'Europa e il Nord America hanno rappresentato il 48% delle esportazioni totali per il 2021, o più del 35% del fatturato annuo totale del gruppo.

Per rimanere competitiva a livello di costi, l'azienda possiede le sue operazioni logistiche attraverso la proprietà di navi da carico, porti e vagoni ferroviari. Le sanzioni globali stanno danneggiando le sue operazioni. Per acquistare la linea di vita, PhosAgro ha annunciato il 18 marzo di aver ridotto la sua partecipazione nella sua filiale cipriota Phosint Limited al 5%. Prima di questo cambiamento materiale, PhosAgro possedeva il 100% di Phosint. Negrinio Limited, una società registrata a Cipro, ha acquisito una quota del 95% di Phosint e non sono stati forniti ulteriori dettagli. PhosAgro sta anche subendo una crisi di leadership dopo aver perso il suo CEO Andrey A. Guryev e altri tre membri del suo consiglio di amministrazione attraverso le dimissioni all'inizio di questo mese. Il declassamento a grado speculativo in seguito al basso rating del paese aumenterà anche il costo di fare affari e ridurrà i margini in futuro.

Personalmente, penso che queste forti aziende russe ne usciranno prima o poi, l'unica questione è se riusciremo a scambiare le loro azioni, ed è qui che vedo un problema più grande. Non possiamo dubitare dell'industria russa dell'energia e dei fertilizzanti, perché queste sono materie prime globali che scarseggiano e troveranno i loro clienti. Nello scrivere questo articolo ho attinto da Investorplace.com


No comments yet
Timeline Tracker Overview