Martin Slaný: l'inflazione nella Repubblica Ceca non ha alcuna possibilità di scendere sotto il 2% nel prossimo futuro

Perché è improbabile che l'inflazione scenda presto sotto il 2%? Di questo e di molto altro si parlerà nell'intervista esclusiva di oggi con l'economista Martin Slany.

Questa volta ho coinvolto Martin Slany, capo economista di DRFG e docente presso l'Università di Economia di Praga, per parlare con lui degli eventi attuali relativi all'inflazione.

Vorrei parlare con lei delle prospettive per il 2023. Recentemente l'ACB ha pubblicato le sue prospettive macroeconomiche e vorrei conoscere la sua opinione. In particolare, la sua opinione sulla possibilità di vedere finalmente l'inflazione scendere a una cifra?

Quasi certamente quest'anno, ma c'è da chiedersi se anche l'inflazione media complessiva sarà a una cifra. Più importante, tuttavia, è quando l'inflazione tornerà ai valori che corrispondono, o meglio corrispondevano prima del periodo inflazionistico, all'inflazione di lungo periodo, ossia a valori intorno al 2%.

''Nelle condizioni attuali, soprattutto in considerazione del mercato del lavoro e dello stato disastroso delle finanze pubbliche, l'obiettivo di inflazione non sarà raggiunto per molto tempo. L'inflazione sarà a una cifra, ma superiore al 2%. E temo che l'economia non si adegui rapidamente a questa nuova normalità, o che le aspettative di inflazione siano ancorate a livelli più elevati".

In generale, cosa pensa abbia causato un'inflazione così drasticamente alta nella Repubblica Ceca?

Ci sono stati fattori esogeni, esterni. Questi sono stati i fattori scatenanti, ma non avrebbero scatenato il problema se l'economia non avesse accumulato problemi interni precedenti, in gran parte causati da politiche infelici - la politica di transizione verde, il quantitative easing, l'impegno sui tassi di cambio, la politica dei tassi di interesse zero e, non ultima, la politica covida e post-covida di compensare tutto e tutti. Tutto ciò ha accumulato grandi squilibri macroeconomici. L'impulso può provenire dal lato dell'offerta o della domanda, ma l'inflazione è sempre guidata dalla domanda.

Quale sarà l'elemento principale che potrebbe finalmente domare l'inflazione e farla scendere a una sola cifra?

''Le condizioni fondamentali dell'economia ceca oggi non consentono all'inflazione della Repubblica Ceca di tornare al 2% nel prossimo futuro''.

Affinché ciò accada, è necessario che si verifichino due fattori fondamentali: che il governo inizi a fare un consolidamento fiscale davvero sostanziale della spesa e dei trasferimenti, e che il mercato del lavoro sia sottoposto a un trattamento di pulizia e che gli effetti su di esso non siano fiscalmente neutralizzati. Oppure, terza opzione, la banca centrale frenerà ancora di più, frenando ancora di più la domanda nell'economia, ma de facto al costo di una recessione secondaria e molto più dolorosa.

Pensa che il mercato del lavoro sarà influenzato in modo significativo quest'anno?

Non credo. L'economia è in recessione, ma alcuni primi dati suggeriscono già che sarà solo lieve. Il mercato del lavoro non è troppo sensibile all'attuale rallentamento economico. Dopo quattro anni, stiamo tornando da una situazione del tutto anomala, che peraltro illustra solo il surriscaldamento del mercato del lavoro, quando c'era un eccesso di posti vacanti rispetto al numero di persone presenti nei centri per l'impiego. La situazione si è ribaltata a gennaio, ma la disoccupazione rimane molto bassa. Nel corso dell'anno aumenterà, ma solo in minima parte; quantitativamente, a mio avviso, sarà un movimento simile a quello del periodo del covado. Ciò non significa che la recessione non avrà effetti più significativi in alcuni sottomercati, in alcune regioni.

Le nuove previsioni dell'ACB sono queste: → prosecuzione della contrazione economica nel 1° trimestre del 23, stagnazione per tutto l'anno → accelerazione dell'inflazione al di sopra del 10% nel 23, discesa al 3% nel 24.

Cosa ne pensate? La vedete in modo simile? In alternativa, mi chiedo: perché sarà così?

A questo punto, probabilmente la risposta corretta è che non lo so. Almeno per il momento. Il calo del PIL, credo, ma non sarei così ottimista sull'inflazione. Potrebbe esserci un forte rallentamento dei consumi delle famiglie, che spingerebbe al ribasso l'inflazione interna, e nella domanda aggregata questo effetto potrebbe essere in parte compensato dalla domanda estera e da una ripresa degli investimenti. Ma come ho detto sopra, data la velocità del consolidamento del bilancio e del mercato del lavoro, le previsioni mi sembrano piuttosto ottimistiche, soprattutto per quanto riguarda la velocità del calo dell'inflazione.

''Ma sottolineo che il calo dell'inflazione è una cosa fondamentale. L'inflazione è un male economico, distrugge l'economia ed è anche molto antisociale. Prendiamo ad esempio i pensionati. Possono aver avuto le loro pensioni ipervalorizzate fino a poco tempo fa e sembrano essere i vincitori della situazione, ma sono anche il gruppo che ora si sta godendo la ricchezza accumulata e l'inflazione sta mangiando i loro risparmi di una vita (a meno che non abbiano fatto qualcosa di attivo con loro in termini di investimenti) e limitando i loro consumi futuri.''.

Nella riunione del 2 febbraio 2023, la Banca nazionale ceca (CNB) ha lasciato i tassi di interesse ai livelli attuali, ossia il tasso pronti contro termine a due settimane al 7%, il tasso di sconto al 6% e il tasso Lombard all'8%. Ritiene che questa sia una buona strategia o sarebbe stato meglio procedere a un aumento?

''Innanzitutto, la trasmissione della politica monetaria, l'effetto della variazione dei tassi sull'inflazione, è continua. Normalmente si tratta di 12-18 mesi, forse anche di più nell'economia attuale. Oppure la CNB può combattere l'inflazione ora, ma questo avverrà nel 2024".

La domanda è quanto forte sarà l'effetto dei tassi già aumentati lo scorso anno. È chiaro che stanno avendo un effetto, ma non sappiamo quanto forte sarà l'effetto finale. Naturalmente, gli sviluppi economici - sia interni che esterni - stanno reagendo spontaneamente a questa situazione. Ad esempio, la corona è significativamente più forte delle stime. Questo non è un fattore insignificante in un'economia aperta. Inoltre, il rafforzamento del tasso di cambio, insieme ai tassi, sta causando un notevole inasprimento delle condizioni monetarie complessive. Resta da vedere se sarà sufficiente a riportare rapidamente l'inflazione verso l'obiettivo. Come ho detto, la politica fiscale e il mercato del lavoro stanno esercitando una forte pressione in tal senso.

La politica monetaria non si limita a seguire ciecamente i modelli, come ho l'impressione da alcuni commenti. Dopo tutto si tratta di politica, non di un esercizio di macroeconomia applicata in un laboratorio artificiale. Un ulteriore inasprimento della politica monetaria ha implicazioni reali per la ricchezza di tutti, e ovviamente nessuno vuole premere il freno più del necessario. D'altra parte, il rischio di ancorare un'inflazione più elevata è presente.

Personalmente, dopo la pausa estiva dell'anno scorso, avrei alzato i tassi in modo ancora più deciso in autunno. Una soluzione più efficace per l'economia e per il mantenimento dell'efficacia della politica monetaria mi sembra essere un aumento dei tassi più vigoroso ma più breve, piuttosto che un periodo più limitato ma più prolungato di tassi elevati.

L'economia ceca è ufficialmente entrata in recessione: nel quarto trimestre il prodotto interno lordo è sceso per il secondo trimestre consecutivo. Secondo gli analisti, però, il calo dovrebbe essere lieve e l'economia tornerà presto a crescere. Lei come la vede?

Sono sostanzialmente d'accordo, ma la domanda è quale sarà la prossima crescita. A mio avviso, è più probabile che si tratti di una sorta di stallo. Quando le influenze esterne si attenueranno completamente, aumenteranno i fattori interni che influenzeranno negativamente gli ulteriori sviluppi.

In una delle sue interviste ho visto che lei ha detto che per far scendere l'inflazione è necessario ridurre il deficit. Come si può ridurre tale deficit?

Ovviamente ci sono due modi: aumentare le tasse e/o ridurre la spesa. Io sono a favore della seconda. In primo luogo, perché il problema del bilancio è la spesa, soprattutto quella obbligatoria. E il secondo fattore è che gli aumenti delle tasse possono avere effetti fiscali a breve termine, ma possono influire negativamente sulla crescita a lungo termine.

E come tagliare la spesa? In linea di massima. Una volta che ci si impantana a selezionare le sottovoci, la maggior parte non si concretizzerà mai. Ci saranno enormi pressioni da parte di vari gruppi di interesse. E ci saranno anche grandi tensioni sociali e un senso di ingiustizia sul perché il governo stia favorendo un gruppo o un altro. Se il bilancio è nella situazione in cui si trova, lo Stato semplicemente non può permettersi di fornire gli stessi servizi, o molti di più, rispetto al passato. Quindi credo davvero che i tagli lineari - dal congelamento degli stipendi e delle pensioni per un certo periodo di tempo, che in effetti di recente sono aumentati senza precedenti, al taglio dei servizi pubblici - siano sostenibili nel lungo periodo.

Come possiamo difenderci efficacemente in questo contesto difficile, o come possiamo evitare che l'inflazione "mangi" i nostri soldi? Ha qualche consiglio specifico?

È una buona idea iniziare a difendersi se non lo si è già fatto. Con un'inflazione del 2%, la persona media non ha avuto a che fare con gli investimenti, limitandosi a risparmiare. Ma se l'inflazione è del 15%, del 10 quest'anno, e ci si chiede cosa succederà dopo, se non si vuole perdere una quantità significativa di ricchezza, è necessario investire attivamente''.

Un'inflazione elevata, invece, può rendere tali decisioni troppo affrettate. Non si tratta certo di cedere al panico di dover recuperare con il rendimento l'inflazione precedente. Sarebbe molto rischioso.

Per un investitore alle prime armi, è consigliabile iniziare con uno strumento più conservativo, come i fondi comuni di investimento, che sono strettamente regolamentati. Spetta a ciascun cliente decidere in quale tipo di fondo investire e se è in linea con le proprie preferenze e la propria visione del rischio. Per i cechi conservatori, i fondi immobiliari sembrano essere adatti. E una volta provati, lasciateli andare avanti.

Sicuramente diffiderei di qualsiasi schema miracoloso di arricchimento, e questo se un veicolo di investimento ha un rendimento significativamente più alto rispetto alla concorrenza. Nella maggior parte dei casi questo è compensato da un rischio significativamente più elevato.

  • Vi è piaciuta l'intervista di oggi? Se sì, assicuratevi di seguirci, l'ospite esclusivo di oggi è Martin Slany.

Vi ricordiamo che questa non è una consulenza finanziaria. Ogni investimento deve essere sottoposto a un'analisi approfondita.

Leggere l'articolo completo gratuitamente?
Vai avanti 👇

Hai un account? Poi accedi , o creane uno nuovo.

No comments yet
Timeline Tracker Overview