L'ex capo stratega azionario di BlackRock sostiene che l'indice S&P 500 scenderà almeno di un altro 17%

L'ex capo stratega azionario di BlackRock sostiene che, nonostante i solidi dati sul mercato del lavoro e una Fed meno falco, i segnali di allarme di una recessione dell'economia statunitense continuano ad accumularsi. Indicatori come l'inversione della curva dei rendimenti, il calo dell'attività manifatturiera, la crescita negativa della massa monetaria, l'inasprimento degli standard di credito e la contrazione dei margini di profitto aziendali suggeriscono che una recessione potrebbe essere inevitabile.

Bob Doll

I segnali di una recessione che si sta insinuando nell'economia statunitense continuano ad accumularsi, afferma Bob Doll, CIO di Crossmark Global Investments ed ex chief U.S. equity strategist di BlackRock.

I solidi dati sul mercato del lavoro e una Federal Reserve meno falsi distraggono gli investitori dalle sofferenze future. Doll non sta dicendo che non sia una buona idea investire in questo momento; piuttosto, è infastidito dal fatto che alcuni investitori ignorino le notizie a sostegno della prossima recessione.

Prendiamo ad esempio la curva dei rendimenti, che ha raggiunto il livello più invertito degli ultimi quarant'anni. I rendimenti delle obbligazioni a breve termine, che stanno aumentando rispetto a quelle a lungo termine, riflettono la politica monetaria restrittiva e la scarsa fiducia degli investitori nelle prospettive a breve termine dell'economia. La curva si è invertita prima di ogni recessione dal 1960.

Poi c'è l'attività manifatturiera, ha detto Doll, che sta calando in molte delle principali economie del mondo, tra cui gli Stati Uniti, il Regno Unito, l'eurozona e il Brasile.

Includendo entrambi questi indicatori e molti altri, come il sentimento dei consumatori e l'andamento delle azioni, l'indice economico del Conference Board è ora in territorio di recessione.

La crescita della massa monetaria è negativa per la prima volta da quando la Fed ha iniziato a monitorare i dati nel 1950, ha sottolineato Doll. Inoltre, gli standard di credito si stanno restringendo.

"Secondo un sondaggio condotto tra i funzionari senior che si occupano di prestiti, la percentuale di banche meno disposte a concedere prestiti ai consumatori è salita a livelli mai associati a una recessione", ha dichiarato Doll.

  • Anche i margini di profitto delle imprese sono diminuiti dell'1,5%, un livello già visto in precedenti recessioni.

Inoltre, l'impatto della campagna di inasprimento della Fed probabilmente non si è ancora manifestato del tutto. E dopo i dati appiccicosi sull'inflazione e il rapporto sull'occupazione di gennaio, estremamente resistente, si prevede che il tasso finale della Fed continuerà a salire, ha dichiarato Doll.

"Quello che la Fed ha fatto l'anno scorso non ha ancora influenzato l'economia", ha detto. "Quello che la Fed fa di solito influisce sull'economia da sei a 12-18 mesi dopo averlo fatto".

Dato che Doll prevede una recessione, si aspetta un calo delle stime sugli utili, facendo scendere l'S&P 500 a circa 3.300-3.400 punti.

"L'attuale multiplo dell'S&P di 224 dollari, pari a 18,5 volte gli utili attesi per il 2023, sembra troppo elevato alla luce delle attuali incertezze economiche e delle nostre aspettative economiche", ha dichiarato.

  • Per quanto riguarda i tempi, Doll ha dichiarato di aspettarsi che la recessione si manifesti entro la fine del 2023.

Tuttavia, si aspetta una recessione anche in altri Paesi.

Diversi strateghi ed economisti di Wall Street vedono ora una recessione in vista. Anche il cosiddetto tracker della probabilità di recessione della Fed, basato sulla curva dei rendimenti, stima ora la probabilità di una recessione al 57%.

All'inizio della settimana, Marko Kolanovic, chief global markets strategist di JPMorgan, ha avvertito che una recessione è praticamente garantita se la Fed si impegna davvero a riportare l'inflazione al suo obiettivo del 2%.

Anche Savita Subramanian, chief U.S. equity strategist di Bank of America, ha affermato questa settimana che un indicatore sviluppato dalla banca mostra che l'economia statunitense è diretta verso la recessione 👇

  • Come la vedete? Contate su una recessione e su un calo di decine di punti percentuali?

Si prega di notare che questa non è una consulenza finanziaria.


No comments yet
Timeline Tracker Overview