L'illusoria storia di un'economia forte e di un'inflazione in calo

L'andamento favorevole dell'inflazione negli ultimi mesi, riscattato da un'intensa correzione dei mercati, comincia ad essere preso alla sprovvista.

L'economia forte

Le nuove statistiche economiche pubblicate dall'inizio dell'anno mostrano che l'economia occidentale è ancora forte. Il mercato del lavoro è solido, i consumatori spendono, le aziende non licenziano quasi mai, le vendite delle imprese crescono in modo sano e gli utili subiscono una piccola correzione.

I rappresentanti delle aziende sono sempre più ottimisti sulle prospettive economiche future, secondo i sondaggi e le indagini come il PMI. I mercati azionari sono in netto rialzo e i rendimenti obbligazionari sono in calo dalla fine del 2022. L'insieme di questi elementi delinea il quadro di un'economia resistente e lontana da qualsiasi versione di recessione. Tutto questo alla luce di un'inflazione in continuo calo rispetto ai massimi degli ultimi mesi. La situazione sembra rosea: nessuna recessione, inflazione diretta verso l'obiettivo del 2%, tassi di interesse che sicuramente scenderanno nel corso dell'anno.

Consapevolezza

Tuttavia, i mercati ignorano un fatto fondamentale, supportato dai dati storici e dalla teoria economica. L'indebolimento dell'inflazione dipende dall'indebolimento dell'attività economica. In altre parole, sembra improbabile che l'inflazione possa essere ricondotta all'obiettivo del 2% senza un significativo rallentamento dell'economia. A maggior ragione se la disinflazione fino ad oggi è stata guidata in modo significativo dal calo dei prezzi dell'energia, che non continuerà a lungo. Lo stimolo monetario e fiscale senza precedenti, successivo alla pandemia, ha creato le condizioni per una crescita estrema. I prezzi delle attività sono schizzati in alto, la ricchezza delle persone si è moltiplicata, le aziende non sono riuscite a tenere il passo con la domanda, i profitti sono saliti alle stelle e l'attività economica è esplosa verso l'alto.

Un effetto collaterale di questo esperimento è (molto prevedibilmente) l'alta inflazione, che è la più alta degli ultimi decenni. L'aumento del livello dei prezzi non è da sottovalutare, perché se sfugge al controllo potrebbe creare una "spirale della morte" che ha il potenziale di disfare l'intero sistema economico. La buona notizia per le economie sviluppate è che le banche centrali indipendenti non permetteranno mai che si arrivi a tanto, a qualunque costo. Hanno strumenti efficaci per farlo.

La cattiva notizia è che probabilmente dovranno frenare notevolmente l'economia attuale. Se l'inflazione è stata causata da un periodo di attività economica estremamente elevata, è necessaria un'attività economica bassa o negativa per riportare l'inflazione a un livello accettabile. Quanto più marcato è il rallentamento, tanto più velocemente l'inflazione tornerà alla normalità.

Il mercato obbligazionario ha iniziato a rendersi conto di questo fatto dopo una serie di dati che indicavano un'economia robusta quest'anno: un tasso di disoccupazione ai minimi storici, assunzioni incessanti, una crescita salariale forte anche se in calo, una forte attività dei consumatori e il loro elevato risparmio, un aumento ancora significativo dei prezzi dei fattori produttivi nelle aziende e un aumento dei prezzi degli asset. Di conseguenza, nelle ultime settimane i rendimenti obbligazionari sono schizzati verso nord, con il titolo di Stato USA a 10 anni che ora rende il 3,95% e quello a 2 anni che ha raggiunto il rendimento più alto di questo ciclo, al 4,73%. Anche il dollaro USA ha iniziato a rafforzarsi. La consapevolezza degli investitori è il prossimo passo e, come sappiamo, gli investitori al dettaglio che hanno guidato il rally dei titoli dall'inizio dell'anno sono di solito gli ultimi a vendere (ai minimi) e gli ultimi a comprare (ai massimi). Ciò mette a rischio l'attuale quotazione relativamente ricca dei titoli azionari in Europa e negli Stati Uniti. È interessante notare che gli investitori istituzionali non stanno investendo molto al momento, ma piuttosto aspettando. Il recente rally è quindi principalmente opera di investitori individuali.

Quale sarà il prossimo passo?

La logica dice che i banchieri centrali ora inaspriranno la loro politica. Ciò potrebbe portare i tassi d'interesse ben al di sopra del livello del 5,1% previsto finora come valore finale per i tassi d'interesse statunitensi. Infatti, se ciò non dovesse accadere e gli effetti dei rialzi dei tassi d'interesse finora effettuati, che non si sono ancora riversati sull'economia, si rivelassero insufficienti, l'inflazione sarebbe ancorata all'economia. Sbarazzarsi di tale inflazione è molto più doloroso. Le banche centrali hanno quindi una scelta: o si troveranno in un periodo di dolore breve ma intenso, o decideranno di trascinarlo per anni fino a quando l'inflazione non si sarà assestata sull'obiettivo del 2%. Scopriremo cosa sceglieranno, se lo faranno, nelle prossime riunioni. La riunione della Fed statunitense è prevista per il 21 marzo e quella della Banca Centrale Europea per il 16 marzo.


Si prega di notare che questa non è una consulenza finanziaria.


No comments yet
Timeline Tracker Overview