La crisi finanziaria non è imminente, la Fed dovrebbe continuare ad alzare i tassi di interesse

Perché le azioni sono ancora care e la Fed alzerà i tassi nonostante i problemi del settore bancario? Questo e molto altro sarà rivelato oggi da Tomas Pfeiler di Cyrrus.

Tomas Pfeiler

Il mio ospite per l'intervista di oggi è Tomáš Pfeiler, Portfolio Manager di Cyrrus Investment Company, che in precedenza ha lavorato anche presso Penzijní společnost České pojišt'ovna, ha studiato finanza all'Università Masaryk di Brno e ha conseguito il certificato CFA.

Recentemente ho visto un post su Linkedin in cui lei scriveva che le azioni sono ancora piuttosto costose. È ancora vero?

In particolare, lei afferma che:

Le azioni statunitensi sono costose nel contesto dei rendimenti obbligazionari. Se si confronta il rendimento degli utili dell'SPX con il rendimento degli UST a 10 anni e si applica un premio storico, il principale indice azionario dovrebbe essere scambiato circa il 20% al di sotto dei livelli attuali. I prezzi delle azioni e delle obbligazioni si sono allontanati. Mentre gli investitori obbligazionari tengono conto del previsto riprezzamento dei tassi terminali, i falchi azionari non riflettono ancora la retorica della Fed. Pertanto, una correzione dei mercati azionari è fortemente probabile.

A mio avviso è ancora così. In particolare, ora abbiamo la Silicon Valley Bank, il cui crollo ha implicazioni specifiche per il mercato. L'altro aspetto riguarda i rialzi dei tassi d'interesse, per i quali penso che a questo punto la Fed ci rassicurerà che in realtà non sta succedendo nulla e che deve continuare a domare l'inflazione.

"Le azioni non riflettono ancora l'aumento dei tassi di interesse e non riflettono i rendimenti obbligazionari".

Quando potremmo arrivare a quel punto, al punto in cui le azioni sono a buon mercato?

Direi che potrebbe essere inferiore anche del 10%, e allora considererei il titolo un buon acquisto. Naturalmente, è bene costruire una posizione a lungo termine e in ipercomprato regolarmente piuttosto che temporizzare il mercato in questo modo. In questo caso, i livelli in cui l'S&P 500 era a 4000 punti sono per me elevati, poiché non riflettono adeguatamente il complicato contesto economico.

Quindi, se le azioni sono ancora costose, quale strategia scegliere? Accumulare liquidità o vedere opportunità altrove?

Al momento potrebbe non essere una cattiva idea optare per le obbligazioni a più breve termine e, per quanto riguarda le azioni, mi concentrerei su quelle che possono trarre vantaggio dall'aumento dei tassi - per esempio le banche, ovviamente intendo le grandi banche come JPMorgan $JPM-1.2%, Bank of America $BAC-1.3%, sono ancora sicure e non ci sono notizie negative come - deflussi di depositi o cose del genere. D'altra parte, negli ultimi giorni le grandi case finanziarie hanno registrato un afflusso record di depositi.

A cosa attribuisce il rally azionario di inizio anno? Dopo tutto, stiamo assistendo a licenziamenti, scarsi risultati e scarse prospettive per il futuro.

Ci sono diversi fattori, uno dei quali è il rallentamento dell'inflazione, che ha fatto sperare che la Fed possa smettere di alzare i tassi prima del previsto. Il secondo fattore è la liquidità, ad esempio la Banca del Giappone ha dovuto acquistare titoli di Stato, ma in questo caso si è trattato solo di un piccolo cambiamento nelle impostazioni politiche. La Cina ha cercato di rilanciare l'economia, quindi si può dire che Cina e Giappone hanno superato la politica restrittiva della Fed. Infine, ma non per questo meno importante, anche gli investitori al dettaglio sono un fattore che, in preda all'ottimismo, hanno iniziato a comprare e a riempire i loro portafogli.

Vorrei ora passare all'argomento attuale, ovvero la SVB che ha scosso i mercati. Qual è la sua opinione su questa situazione, pensa che si tratti di un problema più ampio o di una sola pecora nera?

La vedo più come una pecora nera, la banca non è stata in grado di gestire l'afflusso di depositi negli ultimi due anni e in più dipendeva molto dai depositi instabili delle imprese.

A causa dei problemi finanziari, la banca ha proceduto alla vendita di titoli, realizzando una perdita di quasi due miliardi di dollari. Il management della società ha anche deciso di emettere azioni per 1,75 miliardi di dollari, ma gli investitori hanno reagito negativamente alla mossa e lo sforzo di colmare il buco ha portato a un crollo del prezzo delle azioni della società.

La banca Signature aveva un profilo simile ed è fallita, ma non vedo questo rischio e altri simili in tutto il mondo. Come ho già detto, le banche più grandi, come Bank of America e simili, sono piuttosto stabili e un rischio del genere non esiste.

Il sistema bancario nel suo complesso è generalmente resistente e si è evoluto parecchio dalle ultime crisi. Ma le banche con un profilo commerciale e di liquidità simile a quello di SVB possono trovarsi in difficoltà.

"A mio avviso, è improbabile che la situazione possa innescare una crisi finanziaria".

Molti paragonano la situazione attuale a quella di Lehman Brothers, pensa che ci siano delle analogie?

Ci possono essere delle somiglianze con Lehman Brothers, ciò che accomuna entrambi i casi è che tutto è scoppiato a causa dell'aumento dei tassi da parte della Fed, quindi c'è stata una rivalutazione di alcuni degli asset che queste banche avevano in bilancio. Ma le somiglianze finiscono qui. Lehman Brothers è stata chiaramente peggiore, perché ha scosso l'intero sistema finanziario, che allora era più interconnesso, tutti avevano esposizioni diverse l'uno verso l'altro, e inoltre le banche erano generalmente meno capitalizzate, il che significa che un piccolo errore poteva azzerare il capitale. Per molti versi, l'intera situazione è migliorata: il sistema finanziario non era preparato per Lehman, ma ora è preparato per eventi di questo tipo e le autorità sono in grado di reagire prontamente se si verificano. Questo è stato confermato anche nel caso di SVB.

Ritiene che la Fed possa o voglia continuare ad aumentare i tassi di interesse in questo momento, in concomitanza con l'alta inflazione e gli attuali eventi nel settore bancario?

Questo sarà chiaro nella prossima settimana: il mercato sta già valutando che la Fed taglierà i tassi verso la fine dell'anno. Tuttavia, una settimana fa il mercato prevedeva un range 5,5-5,75% e ora prevede al massimo altri due rialzi.

Tuttavia, le attuali proiezioni per la fine dell'anno mi sembrano costruite come se fosse prevista una crisi finanziaria, in cui l'intero sistema finanziario rischia di destabilizzarsi e la banca centrale non avrebbe altra scelta che salvare il sistema dal collasso.

Tuttavia, ora abbiamo una situazione diversa, in cui sembra che il sistema bancario sia in grado di risolvere rapidamente situazioni e problemi, l'attuale crollo non sta interessando l'intero sistema finanziario, e quindi non credo che la Fed farebbe qualcosa per salvare la stabilità finanziaria, al contrario, deve occuparsi dell'inflazione, che è al 6%, quindi ha poca scelta se non quella di continuare ad aumentare i tassi. Mi aspetto che ci saranno ancora alcuni funzionari che rassicureranno gli investitori sul fatto che il contagio del sistema finanziario non è imminente e che l'obiettivo principale continuerà ad essere la lotta all'alta inflazione.

  • Vi è piaciuta l'intervista di oggi? Se sì, assicuratevi di seguirci, il mio ospite di oggi era Tomas Pfeiler.

Si prega di notare che questa non è una consulenza finanziaria.


No comments yet
Timeline Tracker Overview